Green pass, sindaca di un paese in Valsusa invita a 'disobbedienza civile'

(Adnkronos) - "Disobbedienza civile". Alla vigilia, domani, dell’ingresso del Piemonte in zona arancione, a sollecitarla è Marina Pittau, sindaca di Mattie, comune della Valsusa che sul suo profilo Fb in queste ore ha postato un messaggio in cui sottolinea: "E' ora di farci sentire ed invito i colleghi a far la stessa cosa…".

"Dunque da lunedì in arancione, il Piemonte orgoglioso per il numero di vaccinazioni e adesso la colpa è dei no vax, abbiamo distrutto la sanità pubblica per quella privata, prodotto norme incostituzionali, limitato la libertà di parola e pensiero, credo che da servitore dello stato sia giunto il momento di esprimere un pensiero pubblico ai mie cittadini e nn solo", scrive la sindaca sui social e conclude: "Disobbedienza civile…Forza è ora di farci sentire ed invito colleghi a fare la stessa cosa…".

Un invito raccolto dal leader del movimento no Green pass Torino e della Variante Torinese, Marco Liccione, che in una nota sottolinea: "Auspichiamo che l’appello, che noi siamo pronti a sostenere concretamente, sia accolto dai suoi cittadini e da coloro che guidano altri centri urbani. Continueremo, tutti insieme, la nostra lotta pacifica nei confronti del vergognoso certificato sanitario e delle ingiuste restrizioni senza fondamento scientifico".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli