Greenpeace: consumo e produzione carne devono diminuire del 71% -4-

red/Mgi

Roma, 13 mar. (askanews) - La strategia Farm to Fork e il Green Deal europeo, con le risorse ad essi collegate, rappresentano quindi un'opportunità per essere all'altezza delle sfide ambientali e sociali che ci attendono. Le ultime bozze del piano Farm to Fork della Commissione riconoscono in effetti l'eccessiva produzione e consumo di carne e latticini nell'Ue come un problema, ma non vi si trovano proposte di riduzione. Greenpeace ritiene invece che si debba partire proprio affrontando questo nodo.

"Per l'Italia puntare sulla qualità invece che sulla quantità è una priorità: attraverso produzioni che rispettino alti standard anche dal punto di vista ambientale, possiamo rilanciare il nostro Made in Italy dopo questa difficile fase emergenziale, per questo chiediamo che la strategia Farm to Fork preveda risorse adeguate per sostenere le aziende agricole nel passaggio a metodi di produzione ecologici" conclude Ferrario.