Greenpeace: deforestazione Gran Chaco colpa produttori di carni -4-

Dmo/Red

Roma, 1 ago. (askanews) - La situazione è però destinata a diventare ancor più allarmante. Recentemente, l'Unione europea e il Mercosur - il gruppo composto da Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay, riuniti nel mercato comune dell'America meridionale - sono giunti a siglare un accordo di libero scambio dopo un negoziato avviato nel 1999. Attraverso questo accordo, i due blocchi sono determinati, fra l'altro, ad incrementare gli scambi aumentando l'importazione in Europa di materie prime agricole dal Sud America, con notevoli rischi per l'ambiente e i diritti umani. Tra i prodotti in questione ci sono infatti carne bovina, pollame e soia OGM (destinata alla mangimistica), prodotti che si collocano al primo posto fra le cause della distruzione delle foreste sudamericane.

"Alle aziende che esportano e importano carne dall'Argentina chiediamo di rendere la propria filiera trasparente e libera dalla deforestazione e dalla violazione dei diritti umani. Anche l'Unione europea dovrà fare la sua parte, con una normativa in grado di garantire che i prodotti che acquistiamo in Europa non abbiamo avuto gravi impatti su ambiente e diritti umani in altre parti del Pianeta. Le foreste catturano circa un terzo dell'anidride carbonica rilasciata ogni anno a causa della combustione di gas, petrolio e carbone. Se vogliamo evitare l'aumento delle temperature oltre il grado e mezzo, dobbiamo esigere che ciò che resta delle foreste venga protetto" conclude Borghi.