Greenpeace: deforestazione Gran Chaco colpa produttori di carni -2-

Dmo/Red

Roma, 1 ago. (askanews) - "Nel Gran Chaco si registra uno dei più alti tassi di deforestazione nel mondo, principalmente a causa dell'espansione indiscriminata delle piantagioni di soia geneticamente modificata e degli allevamenti" dichiara Martina Borghi, campagna foreste di Greenpeace Italia. "Questo problema è particolarmente evidente in Argentina, un Paese che si è affermato come importante produttore, consumatore ed esportatore di carne bovina e che attualmente è il sesto Paese al mondo sia per numero di capi di bestiame che per produzione ed esportazione di carne".

Secondo i dati del ministero dell'Ambiente argentino, nel Paese, tra il 1990 e il 2014, sono stati distrutti 7.226.000 ettari di foreste, una superfice equivalente a Olanda e Belgio messi insieme. L'80 per cento di questa deforestazione si concentra in quattro province del nord del Paese: Santiago del Estero, Salta, Chaco e Formosa. (Segue)