Greenpeace denuncia Volkswagen su obiettivi emissioni carbonio

·2 minuto per la lettura
Attivisti di Greenpeace manifestano all'ingresso "Sandkamp" della Volkswagen a Wolfsburg

BERLINO (Reuters) - L'attivista per il clima Clara Mayer e i capi di Greenpeace hanno intentato una causa contro Volkswagen in un tribunale tedesco, accusando la casa automobilistica di non aver fatto la propria parte nella lotta la cambiamento climatico.

È quanto comunicato dalla stessa Ong.

I ricorrenti avevano concesso a Volkswagen otto settimane per prendere in considerazione le loro richieste, tra cui quella di terminare la produzione dei veicoli con motore a combustione interna entro il 2030 e di ridurre le emissioni di carbonio di almeno il 65% rispetto ai livelli del 2018 entro la stessa data, prima di intentare la causa.

Volkswagen non ha per ora risposto a una richiesta di commento. L'azienda aveva detto in precedenza che sporgere denuncia contro una singola azienda non è da considerarsi una soluzione adeguata per contrastare un problema che riguarda tutta la società.

"Volkswagen si è già impegnata in maniera chiara nel 2018 sull'Accordo per il clima di Parigi e vanta la strategia di elettrificazione più ambiziosa, che prevede un investimento da 35 miliardi di euro nella mobilità elettrica entro il 2025", aveva detto a settembre un portavoce in seguito alle richieste di Greenpeace.

Una causa simile era stata intentata dai capi dell'organizzazione ambientalista tedesca Deutsche Umwelthilfe nei confronti di Bmw e Daimler, dopo che entrambe le aziende avevano respinto le richieste di terminare la produzione di auto con motore a combustione entro il 2030 e limitare le emissioni di Co2 prima di quella data.

Le cause si ispirano a due precedenti nel contesto del cambiamento climatico: una sentenza emessa dalla Germania nel maggio 2020 che affermava che il Paese non stava proteggendo le generazioni future dalle conseguenze del cambiamento climatico e una decisione presa dall'Olanda nello stesso mese che ordinava alla major petrolifera Shell di ridurre le emissioni, primo caso in cui un'azienda privata è stata ritenuta responsabile del proprio impatto sul clima.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Stefano Bernabei, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli