Greenpeace: diminuzione packaging, bene Unilever ma ancora poco -3-

Red/Mos

Roma, 7 ott. (askanews) - Per spingere le grandi multinazionali a intervenire sul problema dell'inquinamento da plastica, Greenpeace ha da tempo lanciato una petizione, sottoscritta da più di quattro milioni di persone in tutto il mondo, con cui chiede ai grandi marchi come Nestlé, Unilever, Coca-Cola, PepsiCo, Ferrero e San Benedetto e Danone di ridurre la produzione, investendo in sistemi di consegna alternativi che non prevedano il ricorso a contenitori e imballaggi in plastica e altri materiali monouso.