Gregoretti, Calderoli: a bordo anche pericolosi miliziani libici

Pol/Vep

Roma, 29 dic. (askanews) - "Finalmente la verità viene a galla. La verità del buon senso, la verità sotto gli occhi di tutti. Nei barconi o nei gommoni che poi le navi Ong o quelle delle nostre autorità navali raccolgono e conducono nei nostri porti ci sono anche terroristi o miliziani. Come un libico che ha combattuto con le truppe di Haftar arrivato in Italia proprio con la nave Gregoretti che l'allora ministro Salvini aveva bloccato fuori dai nostri porti per quattro giorni per i necessari accertamenti". Lo dichiara il senatore del Carroccio Roberto Calderoli, vice presidente del Senato

"Ora Salvini va a processo e rischia fino a 15 anni di carcere, per sequestro di persona, per aver difeso i nostri confini e tutti noi da soggetti pericolosi come questo miliziano...", conclude.