Gregoretti, Conte: fase decisionale gestita da ex ministro Interno

Rus

Roma, 13 gen. (askanews) - "Tutta la fase decisionale riguardante lo sbarco è stata gestita dall' allora ministro dell' Interno, che l' ha anche rivendicata, come attestano le dichiarazioni pubbliche dell' epoca. Peraltro la vicenda risale al luglio 2019, quando era già in vigore il cosiddetto decreto "sicurezza bis", fortemente voluto dal ministro Salvini proprio allo scopo di rafforzare la competenza del Viminale". A spiegarlo è stato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in un'intervista "Corriere della Sera".

"Quanto invece alle attività di redistribuzione dei migranti, mi è stata sollecitata la disponibilità a farmene carico ed è per questo che è stato coinvolto l' Ufficio diplomatico della Presidenza del Consiglio. Se qualcuno mi contesta il generale indirizzo politico sul tema delle migrazioni, sono pronto a risponderne. Le mie posizioni sul punto, formali e informali - aggiunge Conte - sono tutte documentate e non è mia abitudine sottrarmi alle responsabilità. Se però devo rispondere della specifica decisione riguardante lo sbarco di una nostra nave in un nostro porto, non posso affermare di essere stato coinvolto se questo non è avvenuto".