Gregoretti, Salvini: "Rinvio del voto? Sono senza dignità"

webinfo@adnkronos.com

"Hanno paura di perdere la faccia, sono senza onore e senza dignità". Lo dice Matteo Salvini, commentando la richiesta del Movimento 5 Stelle che vorrebbe rinviare il voto della Giunta del Senato sul caso Gregoretti a dopo le elezioni regionali in Calabria ed Emilia-Romagna. 

"Oggi c'è stata la giunta al Senato - ha detto inaugurando la nuova sede della Lega di Castellarano (Reggio Emilia) - e i giornalisti mi chiedono se ho paura del processo, io dico che se devo andare in tribunale per aver difeso i confini ci andrò a testa alta". Poi aggiunge: "Vado in carcere a Reggio, oggi, perché i poliziotti ho letto che hanno l'acqua fredda nella doccia, mentre se uno spacciatore non ce l'ha arriva il garante dei detenuti".  

"Parti del movimento 5 Stelle e parti del governo provano con il caso Gregoretti a colpire Matteo Salvini. Le carte parlano chiaro: tutti nel governo sapevano e tutti erano direttamente coinvolti. Sul caso Gregoretti ci vuole responsabilità istituzionale, per questo è necessario un dibattito corretto e - lo diciamo con chiarezza - senza rinvii. La maggioranza è interessata a fare chiarezza sul caso Gregoretti o pensa solo alle elezioni regionali?", le parole della senatrice Erika Stefani a nome di tutti i componenti della Lega presenti nella giunta per le immunità.