Greta compie 18 anni, la sua battaglia per il clima continua

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Compie oggi 18 anni Greta Thunberg, la ragazzina svedese diventata il volto ed il simbolo della lotta contro i cambiamenti climatici, ispirando in tutto il mondo milioni di teenager che, fino all'esplosione della pandemia di coronavirus, ha portato in piazza ogni venerdì per i "Fridays for future". Candidata al Nobel per la pace, Greta ha dato avvio alla sua protesta nell'agosto del 2018: da allora, ogni venerdì, ha saltato la scuola per protestare fuori dal Parlamento di Stoccolma, chiedendo impegno e attenzione per i cambiamenti climatici.

“Io non dico a nessuno cosa deve fare". Così la giovane ambientalista ha risposto ad una domanda del Sunday Times su quanti si dichiarano sostenitori della lotta ai cambiamenti climatici e poi viaggiano in aereo. "Ma esiste il rischio quando si dichiarano certe cose e poi ci si comporta diversamente da come si predica di fare, di essere criticati. E che quello che si dice non venga preso sul serio".

Come regalo di compleanno ideale, Greta vorrebbe che la gente facesse di più per aiutare il pianeta, anche se nella pratica apprezzerebbe anche un nuovo faro per la sua bicicletta in regalo. Vestiti invece no, per via dell'impatto ambientale della loro produzione. "Non ho bisogno di nuovi vestiti. Conosco gente che ne ha quindi chiederò di prenderli in prestito o di darmi qualcosa di cui non ha più bisogno. Nello scenario peggiore, penso che li comprerei usati".

Greta si sente in colpa per le pressioni subite dalla famiglia - comprese le minacce di morte - da quando lei si espone pubblicamente. Spiega che non si preoccupa di quanto la gente dice di lei online "ma quando l'effetto si fa avvertire sulle persone intorno a te, allora diventa diverso". Ritiene egoista ed irresponsabile fare figli in un momento in cui il pianeta è così sotto pressione?, le viene chiesto. "Il problema non sono le persone, ma il nostro comportamento", risponde.