Greta Thunberg: "Aiutate mia sorella Bea, presa di mira dagli haters che ce l'hanno con me"

HuffPost
Greta Thunberg e la sorella Beata Ernman

“Quella che soffre di più è mia sorella Bea, che ha 13 anni, ed è sistematicamente bersaglio di mobbing, cattiveria e molestie”. Sono le parole di Greta Thunberg, rilasciate in un’intervista al quotidiano svedese Dagens Nyheter, durante il lungo viaggio che sta effettuando con il padre in America per incontrare le comunità sioux che da anni si oppongono al progetto di un oleodotto. 

Greta, nel corso dell’intervista rilasciata alla reporter Alexandra Urisman Otto, parla per la prima volta di ciò che vuol dire essere un personaggio pubblico, sempre al centro dell’attenzione mediatica mondiale. Greta rivela come gli haters che la attaccano poi riversino il loro odio sulla sorella minore, Beata Ernman, più facilmente reperibile rispetto a lei, che invece è sempre in giro per il mondo. “Tutti quelli che mi minacciano e mi scrivono messaggi di odio alla fine se la prendono con lei. La gente non sa dove mi fermo, e dove passo la notte, perché non ho una routine quotidiana. Invece mia sorella è sempre a casa, e cerca di avere una sua vita normale, ma così è molto più facile da raggiungere” spiega l’attivista.

L’attivista afferma inoltre che tutte le denunce alla polizia seguite agli episodi di odio non sono bastate per fermare gli haters. E proprio per questo Greta attraverso il giornale svedese rivolge un appello a tutte le persone che le sono solidali: “Ricevo continuamente inviti da parte di persone che mi vogliono aiutare. Il modo migliore per aiutarmi però ora è sostenere mia sorella. E non perché è mia sorella, ma perché è una persona meravigliosa e forte, ed è anche la mia migliore amica”.

La sorella minore di Greta, Bea, sembra voler percorrere le orme della mamma, Malena Ernmann, che è una nota cantante d’opera. Lo scorso giugno la teenager ha partecipato a una trasmissione televisiva in prima serata, debuttando con la canzone “Bara Du Vill” che è già stata ascoltata più di 150 mila volte su Spotify.

 

Continua a leggere su HuffPost