Greta Thunberg a Davos: vi ricordo, c’è un pianeta da salvare

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 gen. (askanews) - La giovane attivista svedese Greta Thunberg con un messaggio al World Economic Forum di Davos chiede un'azione urgente per affrontare la crisi climatica ed ecologica.

Mi chiamo Greta Thunberg e non sono qui per fare affari, esordisce. Non appartengo a nessun interesse finanziario o partito politico. Quindi non posso contrattare o negoziare. Sono qui solo per ricordarvi ancora una volta l'emergenza in cui ci troviamo. La crisi che voi e i vostri predecessori avete creato e inflitto a noi. La crisi che continuate a ignorare.

Il mondo deve "strappare" vecchi contratti e costruire nuovi sistemi per salvare il clima Sono qui - ha proseguito - per ricordarvi le promesse che avete fatto ai vostri figli e nipoti. E per dirvi che non siamo disposti a scendere a compromessi sui livelli minimi di sicurezza che ancora rimangono.

La crisi climatica ed ecologica purtroppo non può più essere risolta nei sistemi odierni. Secondo l'attuale migliore scienza disponibile questa non è più un'opinione; Questo è un fatto.

Dobbiamo tenerlo presente mentre i paesi, le imprese e gli investitori si affrettano a presentare i loro nuovi cosiddetti obiettivi e impegni climatici "ambiziosi". Più a lungo evitiamo questa scomoda verità e più a lungo fingiamo di poter risolvere la questione climatica - e l'emergenza ecologica - senza trattarla come una crisi - più tempo prezioso perderemo. E questo è il tempo che non abbiamo.

Oggi, sentiamo leader e nazioni di tutto il mondo parlare di "emergenza climatica esistenziale". Ma invece di intraprendere l'azione immediata che deciderebbero in qualsiasi emergenza, hanno fissato obiettivi vaghi, insufficienti e ipotetici verso il futuro, come "net-zero 2050". Obiettivi basati su scappatoie e numeri incompleti. Obiettivi che in sostanza sono una resa. È come svegliarsi nel cuore della notte, vedere la tua casa in fiamme, poi decidere di aspettare 10, 20 o 30 anni prima di chiamare i vigili del fuoco mentre si condanna come folle chi cerca di svegliare le persone allarmate.

Comprendiamo che il mondo è molto complesso e che il cambiamento non avviene dall'oggi al domani. Ma veniamo da oltre tre decenni di bla bla bla. Di quanti altri anni i politici hanno bisogno per capire? Perché quando si tratta di affrontare l'emergenza climatica ed ecologica, il mondo è ancora in uno stato di completo diniego. La giustizia per le persone più colpite nelle aree più colpite viene sistematicamente negata.

Anche se accogliamo con favore ogni singola iniziativa sul clima, le proposte presentate e discusse oggi sono ben lungi dall'essere sufficienti. Il tempo dei "piccoli passi nella giusta direzione" è ormai passato. Se vogliamo avere almeno una piccola possibilità di evitare le peggiori conseguenze della crisi climatica ed ecologica, questo deve cambiare.

E ai politici di Davos la Thunberg lancia un ultimo appello:

Promettete di non deludere le generazioni future, creando nuove scappatoie, non riuscendo a collegare i puntini, costruendo i vostri cosiddetti "impegni" sulle tattiche imbroglione che ci hanno portato in questo disastro. Se gli impegni di ridurre tutte le nostre emissioni del 70, 68 o addirittura del 55% entro il 2030 significassero effettivamente che si mira ad avere quei risultati allora sarebbe un ottimo inizio. Ma sfortunatamente non è così.

E poiché il livello di consapevolezza del pubblico continua ad essere così basso, i nostri leader possono ancora farla franca con quasi tutto. Nessuno è ritenuto responsabile. È come un gioco. Chi è il migliore nel confezionare e vendere il proprio messaggio vince.

Allo stato attuale, possiamo organizzare tutti i vertici e le riunioni che vogliamo, ma a meno che non trattiamo la crisi climatica ed ecologica come una crisi, non si otterranno cambiamenti sufficienti.