Greta Thunberg ottiene il massimo dei voti in pagella (nonostante le assenze)

HuffPost

Quattordici “A”, ossia il massimo dei voti, su diciannove materie. Tra queste, matematica, inglese, francese, fisica e storia. Nelle altre materie, ossia svedese, ginnastica e scienze del consumo, ha preso “B”, che equivale al nostro 9. Niente male per una ragazza accusata di marinare sistematicamente la scuola. Stiamo parlando di Greta Thunberg, l’attivista svedese si 16 anni animatrice del movimento globale di protesta “FridaysForFuture”, che in nome del clima ha portato sulle strade del mondo milioni di ragazzi e non solo.

Ebbene, Greta è famosa per due cose: gli scioperi per il clima e le sue assenze da scuola. Due aspetti ovviamente legati l’uno all’altro, visto che l’attivista svedese ha saltato le lezioni ogni venerdì per protestare contro il cambiamento climatico, più un numero infinito di volte che si è assentata per appuntamenti internazionali, quali il vertice di Davos o i vari incontri con i leader globali (ultimo dei quali Barack Obama, suggellato dal tweet “Yes, we can”). Poi è arrivata la decisione di Greta di saltare tutto il prossimo anno scolastico, con annessa ondata di accuse sui social media e non solo.

Ora la pagella di fine anno della ragazza, pubblicata dal quotidiano svedese Dagens Nyheter dovrebbe far giustizia delle polemiche. Greta ha concluso il nono anno alla Kringlaskolan a Soedertaelje presso Stoccolma, ed i risultati, nonostante le numerosissime assenze, sono più che eccellenti: la ragazza - già donna dell’anno in Svezia e principale favorita, secondo i bookmaker inglese, al prossimo Nobel per la pace - ha fatto sapere di avere sempre recuperato a casa tutte le lezioni perdute a scuola. “Ho veramente lottato per ottenere questi voti”, ha detto Greta, citata da Dagens Nyheter. L’attivista ha anche aggiunto che, in effetti, se non avesse scioperato la pagella sarebbe stata ancora più bella: “Ma ne è valsa la pena”.

Peraltro, la sua scuola ha pubblicamente sostenuto le scelte dell’alunna...

Continua a leggere su HuffPost