I grillini No-Tap in viaggio per protestare. Italia 5 Stelle stretta tra condono fiscale e gasdotto della discordia

Gabriella Cerami
Italia 5 Stelle

Dalla Puglia partono pullman direzione Circo Massimo. A bordo ci sono i grillini No-Tap, attivisti 5Stelle che fanno parte anche dei comitati contro il gasdotto. Quei comitati che nelle scorse edizioni di Italia 5 Stelle erano stati invitati come compagni di battaglia e invece adesso, senza invito, lo spirito 癡 cambiato: "Stiamo preparando volantini e striscioni. E porteremo anche le nostre bandiere 5Stelle con lo stemma No-Tap", riferisce uno di loro. Tutto sembra essere pronto per contestare, nel giorno della sua festa, il governo grillino che non ha bloccato l'opera. Italia 5 Stelle non poteva arrivare in un momento pi羅 insidioso di questo. Luigi Di Maio, e anche il premier Giuseppe Conte, rischiano inoltre di passeggiare per il pratone del Circo Massimo con in tasca una sconfitta sul condono fiscale. Ed 癡 anche per questo che organizzatori della kermesse preferiscono non sbilanciarsi sul numero di persone attese sabato e domenica a Roma: "Ci aspettiamo almeno 10mila partecipanti". Per adesso si 癡 prudenti.

Dunque l'Italia 5 Stelle di governo, che nell'immaginario grillino dovrebbe servire a rivendicare i successi e a lanciare la campagna elettorale per le Europee, potrebbe trasformarsi in un boomerang se davvero passer� la norma di uno scudo fiscale fino a 2,5 milioni che il vicepremier pentastellato dice essere stata inserita da "una manina".

La due giorni si annuncia quindi ad alta tensione. Basti pensare che quando apriranno i battenti del Circo Massimo il capo politico M5s sar� impegnato in un complicatissimo consiglio dei ministri con la consapevolezza che poche ore pi羅 tardi dovr� parlare sul palco davanti alla sua base. E anche se Luigi Di Maio ci scherza su dicendo che "non ci facciamo mancare nulla" la tensione nel quartier generale dell'organizzazione 癡 palpabile.

Che sar� un'Italia a 5 Stelle molto diversa dalle origini lo racconta lo stesso programma. Ed 癡 inevitabile se si pensa che da forza di opposizione al grido di "vaffa" ora...

Continua a leggere su HuffPost