Grillo: Fratoianni, 'video maschilista e figlio di logica sbagliata'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 20 apr. (Adnkronos) – “Mi chiedo se guariremo mai da questo rapporto malato tra politica, giustizia e comunicazione. Dagli anni ‘90 è una lunga squallida rissa che continua ogni giorno: padri che difendono i figli, figli e figlie che difendono i padri, giustizialisti che diventano garantisti, garantisti che fanno il verso ai giustizialisti solo quando gli conviene, intercettazioni decontestualizzate sparate a tutta pagina, innocenti condannati sui giornali, vite rovinate, colpevoli e corrotti che invece in un modo o nell’altro la fanno sempre franca. Non possiamo rassegnarci a questa fotografia triste del nostro Paese". Lo scrive su Facebook il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni.

“Il video di Grillo è sbagliato da molti punti di vista,- prosegue il leader di SI – è maschilista sicuramente, ma è anche figlio della stessa logica che ha prodotto altri milioni di video: l’idea che i processi possano farsi sui media invece che nelle aule dei tribunali. Quella logica avrebbe voluto che la ragazza che ha accusato il figlio Ciro rispondesse a sua volta con un altro video. Ma seguendo il botta e risposta su Facebook il cittadino può solo soccombere: finzione e realtà, torti e ragioni, in questioni così delicate diventano non più distinguibili".

“Per questo ha fatto bene la ragazza a non farlo: è il tribunale che deve giudicare, con il massimo dell’oggettività e dell’indipendenza possibili. Impariamo dal gesto di questa ragazza – conclude Fratoianni – col suo silenzio ha lasciato deserto il campo di una comunicazione malata”.