Grillo: procurat. agg. Palermo 'a vittime violenze sessuali serve tempo per denuncia' (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – L'aggiunto non vuole parlare dell'inchiesta che vede coinvolto il figlio di Beppe Grillo, Ciro, 20 anni, accusato di violenza di gruppo, con tre amici, nei confronti di una ragazza di 19 anni, italo-svedese, mentre era in vacanza in Costa Smeralda. Né delle polemiche che ne sono seguite. Però, parlando dei tempi che possono servire a una donna per denunciare una violenza, da 'tecnico' spiega: "Credo sia assolutamente necessario partire da una considerazione: la persona offesa dal reato, porta sempre nel processo un vissuto doloroso, a volte traumatico, questo vale soprattutto per le vittime di reati quali la violenza sessuale, o domestica, o piuttosto lo stalking, in cui, nella maggior parte dei casi, la persona che subisce il reato non è vittima di un aggressore sconosciuto, ma piuttosto, più drammaticamente, è vittima di un marito, di un compagno, di un amico, di un datore di lavoro, di un educatore, di un uomo con cui si ha o si è avuta una relazione fondata su affetto, fiducia, complicità, seduzione, che si consuma, insomma, nel quotidiano, in una situazione familiare, in un assetto che può apparire rasserenante, come solitamente è rasserenante una casa, magari più volte frequentata, o come dovrebbero esserlo le pareti domestiche, o il ritrovarsi in contesti apparentemente protetti e rassicuranti".

Parlando poi della sua esperienza degli 'orchi' che violentano o abusano di una donna, Laura Vaccaro spiega che "sono soliti alternare momenti di apparente normalità con improvvisi comportamenti sopraffattori, che possono trascendere sino a giungere alla violenza anche sessuale, e tutto questo rende ancora più dolorosa e difficile e complessa la scelta di denunciare". "Per noi magistrati requirenti, per gli investigatori, la presa di coscienza immediata di essere vittime di maltrattamento o di stalking così come di una violenza sessuale, è un fatto di massima importanza per lo sviluppo investigativo, ma la nostra preparazione ad affrontare questo tipo di delitti, ci insegna che nella maggior parte dei casi, ciò non avverrà immediatamente. Per le ragioni esposte", ribadisce.