Grillo spinge all'intesa: "Abbiamo un'occasione unica, Dio mio, unica"

REUTERS/Max Rossi


Sabato 31 agosto è stata un'altra - l'ennesima - giornata pesante per il neonato governo giallo-rosso, a cui ancora manca una forma e un nome e che, tuttavia, già pare cominciare a disfarsi.

Dopo che Di Maio ha imposto i suoi 20 punti sine quibus non, cosa che il Pd ha definito "un inaccettabile ultimatum", complici i tira e molla dei giorni precedenti, la trattativa faticava a partire, facendo sudare - e non poco - il premier incaricato Giuseppe Conte. Tanto che, proprio ieri, si è paventata la possibilità che volesse rinunciare al mandato.



Ma un post di Beppe Grillo arrivato in serata sul suo blog sembra aver risollevato - almeno temporaneamente - le sorti e gli spiriti di M5s e Pd, confermando la sua volontà all'alleanza con i Dem e invitando i due partiti a mettere il turbo all'accordo.

"Mi rivolgo al Pd - scrive Grillo - Alla base dei ragazzi del Pd, è il vostro momento questo, abbiamo un'occasione unica, Dio mio, unica. E allora cerchiamo di ricompattare i pensieri, di sognare un attimo a dieci anni con la visione". E continua: "Sono esausto. Abbiamo da progettare il mondo, invece ci abbruttiamo, e le scalette e il posto lo do a chi e i dieci punti, i venti punti, basta!".



E infine un richiamo ai colleghi del Movimento: "Questa pena che vedo, questa mancanza di ironia, dovete sedervi a un tavolo e essere euforici perché appartenete a questo momento straordinario di cambiamento".

Parole immediatemente ricevute da Zingaretti, che via Twitter risponde: "Caro @beppe_grillo, mai dire mai nella vita. Cambiamo tutto e rispettiamoci gli uni con gli altri".