Gruppo Hera, nel 2020 ricavi in crescita

Redazione
·4 minuto per la lettura

BOLOGNA (ITALPRESS) - Il Gruppo Hera ha chiuso l'esercizio 2020 con risultati positivi, in linea con quanto consuntivato in tutti i trimestri, pur in un anno particolarmente complesso per il Paese a causa dell'emergenza Coronavirus. I ricavi salgono a 7.079 milioni, in crescita di 166,2 milioni (+2,4% rispetto ai 6.912,8 milioni del 2019), grazie soprattutto alle attività nel settore energia. Il Mol del Gruppo sale a quota 1.123 milioni, +3,5%, in aumento di 37,9 milioni rispetto ai 1.085,1 milioni del 2019. Sale anche il risultato operativo netto a 551,3 milioni, in crescita di 8,8 milioni (+1,6% rispetto ai 542,5 milioni del 2019). Il risultato netto dell'esercizio sale a 322,8 milioni (+1,8%), con una crescita di 5,7 milioni rispetto ai 317,1 milioni del 2019. In aumento anche l'utile netto di pertinenza degli azionisti, che a fine 2020 si attesta a 302,7 milioni (+0,6%), rispetto a quello dell'esercizio precedente di 300,8 milioni (valore al netto degli effetti non ricorrenti del 2019). Nel 2020 gli investimenti netti - comprensivi di 46,9 milioni relativi all'acquisto di partecipazioni finanziarie riferite principalmente ad Ascopiave - sono stati pari a 528,5 milioni, in crescita del 3,8% rispetto ai 509,2 milioni del 2019. La posizione finanziaria netta si attesta a 3.227 milioni, in miglioramento rispetto ai 3.274,2 milioni del 2019, con una riduzione dell'indebitamento finanziario di 47,2 milioni. Il Cda ha deciso di proporre all'assemblea dei soci del 28 aprile la distribuzione di un dividendo di 11 centesimi per azione, in crescita del 10% rispetto all'ultimo dividendo pagato e in rialzo rispetto a quanto previsto nel Piano industriale per l'esercizio in corso. "La crescita registrata dal Gruppo Hera è stata fortemente sostenuta dall'operazione di partnership con Ascopiave, che ha permesso alla multiutility un ulteriore consolidamento nel Triveneto. Nonostante il contesto complesso, siamo riusciti ad anticipare fin da subito l'estrazione di una parte significativa delle sinergie previste generando un contributo cruciale all'incremento dei flussi di cassa del 2020. L'anno è stato, inoltre, dedicato a sviluppare ulteriormente la prospettiva verso la sostenibilità pienamente integrata nelle strategie di business: il nostro impegno è promuovere un ulteriore sviluppo in questa direzione, con progetti per la circolarità, la carbon neutrality e l'innovazione tecnologica, in linea con le policy europee e con gli obiettivi dell'Agenda Onu 2030". Così l'Ad Stefano Venier. "In questa direzione si inseriscono anche alcune collaborazioni avviate di recente, come quella con Snam per lo sviluppo dell'idrogeno. I gas verdi, infatti, sono per noi una frontiera particolarmente interessante proprio perché operiamo in più business: mettendo a disposizione la nostra expertise trasversale e la nostra ampia piattaforma infrastrutturale possiamo dare vita a innovativi esempi di circolarità carbon neutral tra filiere", ha aggiunto.

"Il bilancio 2020 del Gruppo Hera evidenzia, una volta di più, la nostra solidità e l'efficacia delle nostre strategie, ma anche lo stretto legame con territori e stakeholder. Questi risultati sono lo specchio, infatti, di un'attività ininterrotta nonostante la pandemia, a sostegno del tessuto economico in cui operiamo: trimestre dopo trimestre, siamo riusciti a superare l'emergenza reagendo con tempestività, riorganizzando il lavoro e individuando soluzioni per tutelare i nostri asset da un lato e i clienti dall'altro". Così il presidente Esecutivo Tomaso Tommasi di Vignano. "In un contesto complesso, abbiamo elaborato nuovi progetti e stretto accordi con partner d'eccellenza e, nella seconda parte del 2020, con una particolare accelerazione alla fine dell'anno, abbiamo beneficiato di una ripresa complessiva delle attività economiche nei territori serviti", ha aggiunto.

"Risultati positivi che si riflettono in tutti i principali indicatori e sono ancor più significativi alla luce delle difficoltà determinate dall'emergenza sanitaria: abbiamo così confermato il track record di 18 anni di crescita e migliorato ulteriormente la nostra solidità patrimoniale, con ricadute positive anche per i nostri azionisti pubblici e privati, a cui abbiamo deciso di distribuire già quest'anno un dividendo in rialzo a 11 centesimi per azione. La buona generazione di cassa del 2020 ci consentirà, inoltre, di coprire integralmente la politica di aumento dei dividendi fino al 2024", ha concluso.

(ITALPRESS).

ads/com