Guardia finanza di Milano confisca 2,5 mln euro a narcotrafficante

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 15 feb. (askanews) - I finanzieri di Milano hanno eseguito una confisca di prevenzione beni per oltre 2,5 milioni di euro nei confronti di Giuseppe Oliverio, attualmente detenuto e già condannato a 14 anni di reclusione per reati di estorsione e traffico di stupefacenti. La confisca riguarda un'azienda, il compendio di una società, dodici fabbricati e due terreni, oltre a diversi orologi e gioielli. Lo hanno riferito le stesse fiamme gialle, spiegando che le investigazioni patrimoniali condotte dal nucleo di polizia economico-finanziaria meneghino nell'ambito di un procedimento di prevenzione istruito presso la procura del capoluogo lombardo, hanno preso spunto da alcune risultanze emerse nell'operazione "Crociata" coordinata dalla Dda, che nel 2016 aveva consentito di disarticolare la locale di 'ndrangheta di Mariano Comense (Como), "nella quale l'uomo era stato riconosciuto responsabile di un ingente traffico di stupefacenti e di diversi episodi di estorsione".

Dagli accertamenti patrimoniali antimafia, è emerso "come mediante le sue costanti attività delittuose, tra il 2004 e il 2014, il pregiudicato sia riuscito ad incrementare sensibilmente il proprio patrimonio mobiliare ed immobiliare, che risultava intestato a due società, esercenti anche l'attività immobiliare, e la cui titolarità era formalmente ricondotta ai propri figli".