Guarito dal Covid riceve una fattura da 1,1 milioni di dollari

Sessantadue giorni di battaglia contro il Covid-19 costerebbero un milione 122.501 dollari e quattro centesimi. È la somma che Michael Flor ha trovato in fondo alle 181 pagine della dettagliatissima fattura che gli ha rilasciato l'ospedale di Seattle in cui è guarito, lo Swedish Medical Center di Issaquah. Il settantenne Flor, quasi certamente, non pagherà un centesimo grazie all'accordo del presidente Trump con le assicurazioni, finanziato dal Congresso Usa con uno stanziamento da 100 miliardi di dollari per ospedali e compagnie di assicurazione.

Compagnie che hanno aggiornato le stime dei costi a 500 miliardi di dollari e hanno già chiesto di aumentare anche gli stanziamenti federali. Pure lo scrittore David Lat ha ricevuto una fattura di 320.000 dollari per il suo trattamento Covid-19, e anche lui ha finito per non dover pagare nulla. Ma queste mega-fatture, scrive il Seattle Times, suscitano diversi interrogativi. Intanto, gli altri degenti con infarto o cancro, ha fatto notare Fat, hanno continuato a pagare e se l'hanno fatto tramite l'assicurazione hanno pagato almeno la franchigia. Nel caso della mega-parcella di Flor quella quota era sui seimila dollari. Per tutti gli altri malati, l'esenzione-coronavirus non c'era: solo conti o assicurazioni e franchigie da pagare.

I prezzi, inoltre, sembrano esorbitanti: almeno il doppio che in qualsiasi altra parte del mondo. Anche considerando il finanziamento del governo Usa e il fatto che le fatture sono a prezzo 'di listino' e non considerano gli accordi fra ospedali e assicurazioni, le voci del "conto" a Michael Flor mostrano numeri da incubo. La camera di terapia intensiva, dove il paziente è stato per 42 dei 62 giorni di ricovero, è costata 9.736 dollari al giorno. La stanza era sigillata e poteva essere visitata solo da operatori sanitari che indossavano tute di plastica e copricapo. Per i 42 giorni in questa camera di isolamento, il costo totale è stato di 408.912 dollari. Il paziente è stato anche attaccato a un ventilatore polmonare per 29 giorni; costo dell'uso della macchina 2.835 dollari al giorno, per un totale di 82.215 dollari. E qui va tenuto presente che un ventilatore polmonare costa fra i 15.000 e i 25.000 dollari; il governatore di New York Andrew Cuomo all'inizio dell'epidemia aveva temuto di doverli pagare fino a 45.000 dollari.

Qui si parla di 'uso' (noleggio?) e non di acquisto, e visto cosi' il prezzo sembra stellare. Circa un quarto della fattura è rappresentato dai costi dei farmaci. Per i due giorni in cui il suo cuore, i reni e i polmoni stavano tutti cedendo e sembrava che la morte fosse vicina, la fattura è di 20 pagine e ammonta a quasi 100.000 dollari, mentre i medici "mi davano tutto quello che gli veniva in mente", dice Flor. In totale, ci sono quasi 3.000 spese dettagliate, circa 50 al giorno. La fattura non comprende le due settimane di convalescenza che il malato ha trascorso in un'altra struttura. Flor è frastornato: "Mi sento in colpa per essere sopravvissuto. Ho un senso di 'perchè io? Perchè mi sono meritato tutto questo? Guardando l'incredibile costo di tutto, il senso di colpa si aggiunge sicuramente a quello di essere sopravvissuto".