Gucci accetterà i pagamenti in criptovalute

Gucci accetterà i pagamenti in criptovalute. (Photo by Oleg Nikishin/Getty Images)
Gucci accetterà i pagamenti in criptovalute. (Photo by Oleg Nikishin/Getty Images)

Anche Gucci si apre alle criptovalute. La griffe del gruppo Kering accetterà pagamenti in Bitcoin e altre valute digitali in alcuni dei suoi negozi americani già alla fine del mese di maggio. Ma entro l’estate - secondo Vogue Business che ha riportato la notizia - il servizio potrebbe allargarsi a tutti i negozi del Nord America.

Il metodo di pagamento in criptovalute è incredibilmente semplice: al cliente viene inviato un link contenente un Qr code il quale consente di accedere al proprio cripto-portafoglio.

I primi negozi Gucci ad accettare criptovalute saranno a New York, Los Angeles, Miami, Atlanta e Las Vegas. Saranno riconosciuti pagamenti in una decina di valute tra cui Bitcoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Wrapped Bitcoin, Litecoin, Shiba Inu e Dogecoin.

"Gucci cerca sempre di abbracciare le nuove tecnologie quando possono fornire un'esperienza migliorata ai nostri clienti", ha affermato Marco Bizzarri, presidente e CEO di Gucci, in una dichiarazione riportata da Vogue Business. "Ora che siamo in grado di integrare le criptovalute nel nostro sistema di pagamento, è un'evoluzione naturale per quei clienti che vorrebbero avere questa opzione a loro disposizione."

LEGGI ANCHE: Gucci lancia le sneakers virtuali: si indossano sui social per 10 euro

Una mossa significativa per il marchio di lusso che non è nuovo ad iniziative che vanno in direzione del Web 3.0. Qualcuno ricorderà che a marzo 2021 la maison lanciò le prime sneakers virtuali a basso costo. Si trattava delle Gucci Virtual 25, la prima calzatura pensata per essere indossata sulle piattaforme social.

GUARDA ANCHE: Guadagnare con le criptovalute, bufala o realtà?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli