Guenda: la malattia

·2 minuto per la lettura
guenda goria endometriosi
guenda goria endometriosi

Guenda Goria, ospite di Pomeriggio 5, ha raccontato di soffrire di endometriosi. Fino a qualche tempo fa, la figlia di Maria Teresa Ruta credeva si trattasse di semplice stress, poi ha fatto visite più approfondite e ha scoperto la malattia.

Guenda Goria: l’endometriosi

Ospite di Pomeriggio 5, Guenda Goria ha deciso di parlare della sua malattia: l’endometriosi. Qualche giorno fa, attraverso il suo profilo Instagram, aveva rivelato ai fan di aver scoperto la malattia, incoraggiando le sue fan a non vergognarsene.

È una patologia di cui soffrono moltissime donne. Io ne sapevo molto poco e per molto tempo ho sottovalutato i sintomi perché credevo che fosse lo stress a crearmeli“, ha ammesso Guenda. Dopo essersi sottoposta a visite mediche più approfondite ha scoperto che la stanchezza non c’entrava nulla, la sua patologia ha un nome: endometriosi. Per sua stessa ammissione, non conosceva bene la malattia e solo quando ha scoperto di averla si è informata bene. Lo scorso 8 marzo, via Instagram, la figlia di Maria Teresa Ruta aveva scritto:

“Marzo è il mese dedicato ad una malattia con la quale ho scoperto da poco di dover combattere. Tengo a condividere con voi questa piccola battaglia personale perché ho scoperto che moltissime donne come me soffrono di endometriosi. E’ una patologia di cui si parla poco, che spesso si tende a sottovalutare ma che può avere delle conseguenze molto gravi come l’infertilità o, in rarissimi casi, forme tumorali. Per tanti mesi ho sottovalutato i miei sintomi attribuendoli allo stress. Mi raccomando a tutte le donne: tenetevi sotto controllo e non sottovalutate mai niente! Non vergogniamoci a parlare se qualcosa non va”.

L’endometriosi è una malattia che porta allo sviluppo di un’infiammazione cronica dannosa per l’apparato femminile. Guenda non è l’unica donna del mondo dello spettacolo ad esserne affetta, anche Nancy Brilli e Laura Torrisi – giusto per fare qualche nome – devono convivere con questa patologia.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.