Guerini in Kosovo: Italia continuerà ad assicurare suo contributo

Red/Gtu

Roma, 19 nov. (askanews) - "L'Italia non verrà meno alle sue responsabilità e continuerà ad assicurare, con convinzione, il suo contributo": lo ha detto il ministro della Difesa Lorenzo Guerini in visita ufficiale in Kosovo.

"Oggi sappiamo tutti che sussistono ancora questioni irrisolte e complesse nel Paese e nell'intera Regione balcanica, questioni di stabilità politica interna, di pace e sicurezza, di sviluppo umano integrato come valore aggiunto per il benessere dell'area", ha dichiarato il ministro Guerini rivolgendosi ai militari italiani durante la cerimonia di avvicendamento oggi a Pristina della Missione Kfor. "La normalizzazione del Paese - ha sottolineato Guerini - richiederà ancora tempo e che purtroppo non mancheranno occasioni per rallentare o fermare questo processo virtuoso che voi, donne e uomini di Kfor, da protagonisti, ogni giorno alimentate. La missione di Kfor, rimane perciò fondamentale per la sicurezza di una Regione, per noi cruciale". "Ecco perché - ha concluso il ministro - l'Italia non verrà meno alle sue responsabilità e continuerà ad assicurare, con convinzione, il suo contributo".

Guerini si è recato in visita ufficiale in Kosovo dove ha preso parte, insieme al capo di Stato Maggiore della Difesa Enzo Vecciarelli, alla cerimonia di avvicendamento del Comando di Kfor tra il generale Lorenzo D'Addario e il suo successore, il generale Michele Risi. Accolto dall'ambasciatore d'Italia in Kosovo Piero Cristoforo Sardi, Guerini ha incontrato anche il presidente del Kosovo Hashim Thaci e il primo ministro kosovaro Ramush Haradinaj.