Guerini: missioni Italia all'estero "essenziali", vanno confermate -5-

Mos

Roma, 15 gen. (askanews) - Recentemente, ha precisato ancora Guerini, la campagna militare ha subito "un rallentamento", dovuta alla capacità dell'Isis di "ricostituirsi velocemente in alcune delle province del paese", dove può ancora attingere alle economie locali e gode di supporto da parte delle popolazioni locali, ha spiegato il ministro.

In Iraq, ancora, l'Italia contribuisce alla missione della Nato, per la formazione dei militari iracheni. Si tratta in tutto di otto unità italiane su 12 autorizzate. (Segue)