Guerini: missioni Italia all'estero "essenziali", vanno confermate -9-

Mos

Roma, 15 gen. (askanews) - Nel caso in cui ci sia una pacificazione in Libia, l'Italia potrebbe pensare a una rimodulazione della sua presenza nell'ambito di un intervento "internazionale" e previa richiesta di supporto locale.

IL FUTURO

"Ritengo opportuno confermare la presenza nei teatri operativi oggetto di discussione: Libia, Iraq, Afghanistan e Libano" ed in particolare in Afghanistan, "non è ipotizzabile una ulteriore riduzione di personale se non abdigando al ruolo centrale che il Paese ricopre nell'ambito dell'operazione Nato", ha spiegato Guerini, precisando che la presenza italiana è resa necessaria per "tutelare gli interessi strategici nazionali ove questi risiedono, per gli obblighi che l'Italia si è assunta nei confronti delle organizzazioni internazionali e per dare risposta a specifiche richieste di assistenza".