Guerini: straordinari l'impegno e l'umanità dei nostri militari -2-

Gtu

Roma, 31 ott. (askanews) - Il ministro della difesa ha sottolineato il grande significato che riveste la scelta del presidente della repubblica Mattarella di conferire questa onorificenza, che sarà consegnata ufficialmente durante la cerimonia del 4 novembre a Napoli, "alla Bandiera di guerra del quarto reggimento alpini paracadutisti, alla Bandiera di guerra del 151esimo reggimento fanteria Sassari, alla Bandiera di guerra della marina militare e delle forze navali, alla Bandiera di guerra del 51esimo Stormo dell'aeronautica militare, alla Bandiera di guerra del settimo reggimento carabinieri Trentino Alto Adige, alla Bandiera di guerra del 13esimo reggimento carabinieri Friuli Venezia Giulia, per lo straordinario contributo complessivo fornito da questi Reparti in anni di missioni all'estero".

Il ministro ha poi ricordato come "in questi anni i compiti della nostra Difesa sono cambiati, gravati da crescenti missioni e responsabilità, per arginare nuove minacce e nuove sfide che hanno messo in seria discussione la nostra sicurezza e quella dell'intera comunità internazionale". A fronte di queste difficoltà il ministro ha sottolineato "il processo di crescita vissuto in questi anni dalle nostre forze armate", e "i risultati raggiunti compongono un affresco di straordinario impegno, capacità e umanità, che ha fatto maturare in tutti gli italiani un sentire nuovo nei confronti dell'operato dei nostri militari, sempre più presenti tra le persone, e per le persone, consentendo il superamento di vecchie visioni, fino a consolidare una sempre maggiore attenzione e consenso dei cittadini verso la realtà militare".

E "il 4 novembre prossimo, varcato il secolo dalla firma dell'Armistizio di Villa Giusti, che sancì la vittoriosa conclusione della prima guerra mondiale, tutti gli italiani celebreranno la Festa dell'Unità nazionale e la giornata delle forze armate".

"Non è un caso - ha ricordato Guerini - che queste due commemorazioni cadano nello stesso giorno: in quei lunghi, tragici mesi di guerra in cui la stessa integrità nazionale fu messa seriamente in discussione, furono le Forze Armate a guidare il popolo italiano in quello sforzo corale, epico e condiviso che portò al vittorioso epilogo di Vittorio Veneto e al raggiungimento dell'unità nazionale". Ed "è questo il senso profondo della commemorazione del 4 novembre".(Segue)