Guerra ai narcos, presidente Messico respinge proposta di Trump

A24/Pca

New York, 5 nov. (askanews) - Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha respinto l'offerta dell'omologo statunitense, Donald Trump, pronto a intervenire a sostegno di una "guerra" contro i narcotrafficanti, dopo l'uccisione di almeno nove membri - donne e bambini - di una comunità mormone, colpiti presumibilmente da una banda di criminali nel nord del Messico.

Durante una conferenza stampa, il capo di Stato messicano ha detto che "la cosa peggiore che possiamo avere è una guerra [...] abbiamo dichiarato guerra, ma non ha funzionato" ha aggiunto, riferendosi alle politiche delle precedenti amministrazioni. "Non è un'opzione". (segue)