Guerra in Ucraina, la bambina di Schindler’s List aiuta i rifugiati in Polonia

·2 minuto per la lettura
Guerra in Ucraina, la bambina di Schindler’s List aiuta i rifugiati in Polonia (Foto Instagram)
Guerra in Ucraina, la bambina di Schindler’s List aiuta i rifugiati in Polonia (Foto Instagram)

La bambina con il cappotto rosso del film Schindler's List è cresciuta e ora aiuta i rifugiati ucraini che arrivano in Polonia.

Oliwia Dabrowska aveva tre anni quando è diventata un’icona del cinema per la sua apparizione nel film di Steven Spielberg, vincitore di ben sette premi Oscar.

Oggi Olivia ha 32 anni e vive in Polonia dove, assieme alla madre, sta aiutando i civili in fuga dalla guerra in Ucraina dopo l’invasione russa.

GUARDA ANCHE: Perché le influencer russe distruggono le loro borse di Chanel? Migliaia di euro in brandelli

Sui profili social la ragazza pubblica continui aggiornamenti dalla Polonia. Il 9 marzo ha postato su Instagram l’intramontabile scena del film dove si vede lei da bambina con il cappotto rosso mentre tutto intorno domina il bianco e nero. L’indumento, però, è stato colorato di blu, in omaggio alla bandiera ucraina.

Lei è sempre stata il simbolo della speranza”, ha scritto l’attrice riferendosi alla sua interpretazione da bambina, “Lasciate che lo sia ancora una volta”.

Nella pellicola di Spielberg, infatti, il cappotto della piccola, simbolo di speranza, era l’unica nota di colore in un mondo dove dominava la disperazione.

Oliwia Dabrowska ha usato i social per chiedere aiuto per gli sfollati: “Anche la cosa più piccola è fondamentale, la situazione è drammatica, sono volontaria al confine e ho visto tutto con i miei occhi”, ha scritto il 13 marzo.

Le bombe cadono qui vicino e ho paura, ma questo mi motiva ancora di più a dare una mano”, ha detto l’ex attrice che il 6 aprile ha pubblicato un nuovo aggiornamento dopo giorni di silenzio.

“Solo perché non vi ho scritto nulla non pensate per un secondo che non stia facendo niente”, ha scritto postando una sua foto e invitando le persone a donare per fornire aiuti e kit di pronto soccorso sia ai civili sia ai soldati ucraini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli