Guerra in Ucraina, Biden: “Basta fughe di notizie su aiuto USA a Kiev, distraggono dall’obiettivo”

guerra in ucraina biden
guerra in ucraina biden

Guerra in Ucraina: il presidente americano Joe Biden si è duramente scagliato contro le fughe di notizie che svelano il modo in cui gli Stati Uniti stanno supportando il Governo di Kiev. Intanto, i russi stanno continuando a bombardare il Paese.

Guerra in Ucraina, Kiev: “Discorso Putin privo di contenuti”

In occasione della parata per il Giorno della Vittoria celebrato a Mosca, il presidente russo Vladimir Putin ha rilasciato numerose dichiarazioni in merito alla “operazione militare speciale” che il Cremlino ha avviato contro l’Ucraina. In questo contesto, ha anche sottolineato l’urgenza per la Federazione Russa di intervenire con un “colpo preventivo” per difendersi dalle sempre più pressanti minacce della NATO.

Il discorso di Putin è stato commentato dalla deputata del Parlamento ucraino per il partito di opposizione Holos Inna Sosun che, contattata dall’AdnKronos, ha dichiarato: “In realtà ciò che mi ha sorpreso di più è che non ha fatto alcun grande annuncio durante il discorso. Putin voleva ottenere una grande vittoria entro il 9 maggio, ma ci sono ancora combattenti nell’acciaieria Azovstal e quindi non ha potuto rivendicare di aver preso il controllo di Mariupol né dell’intera regione del Donbass. Non aveva una vittoria da annunciare e per questo motivo c’erano molte speculazioni su ciò che avrebbe detto: alcuni sostenevano che avrebbe dichiarato guerra perché ancora la chiamano operazione speciale o che avrebbe potuto annunciare una guerra su larga scala che avrebbe potuto portare all’uso di armi nucleari, ma non ha detto molto, anzi non ha detto proprio niente. Sono rimasta stupita proprio dalla mancanza di contenuti”.

Onu, annunciata sessione straordinaria del Consiglio per i diritti umani

In relazione alla guerra in Ucraina, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha annunciato di aver organizzato una sessione straordinaria che si terrà nella giornata di giovedì 12 maggio 2022.

A quanto si apprende, dunque, è stata approvata la richiesta presentata da Kiev che è stata sostenuta da circa una sessantina di Paesi.

USA, amministrazione Biden revoca per un anno i dazi sull’acciaio dell’Ucraina

Negli Stati Uniti d’America, intanto, l’amministrazione Biden ha deciso di procedere all’eliminazione dei dazi sull’acciaio dell’Ucraina. La misura resterà in vigore per un anno. I dazi sull’acciaio ucraino erano stati imposti dall’ex presidente americano Donald Trump nel 2018.

Per quanto riguarda la decisione dell’amministrazione Biden, questa è stata riportata dal New York Times. Stando a quanto riferito da fonti del dipartimento del Commercio americano, l’iniziativa era stata chiesta in modo esplicito dal premier ucraino Denys Shmyhal nel momento in cui si era recato in visita a Washington.

Biden: “Basta fughe di notizie su aiuto USA a Kiev nella guerra in Ucraina, distraggono dall’obiettivo”

Dalla Casa Bianca, sulla guerra in Ucraina, è intervenuto il presidente americano Joe Biden che ha sottolineato la necessità di porre fine alle fughe di notizie sul modo in cui l’intelligence USA condivide con il Governo di Kiev in quanto controproducenti. Biden ha invitato il seguente monito durante un confronto con i massimi funzionari della sicurezza nazionale statunitense, come segnalato dalla NBC News che ha citato fonti informate dei fatti.

Le fonti, inoltre, hanno riferito che la scorsa settimana il presidente Biden ha tenuto colloqui telefonici separati con il segretario della Difesa Lloyd Austin, il direttore dell’intelligence Avril Haines e il direttore della CIA William Burns. I colloqui si sono tenuti in seguito alle dichiarazioni rilasciate dalla Casa Bianca con le quali l’amministrazione Biden ha negato di inviare informazioni a Kiev utili per “uccidere i generali russi”.

Sulla base delle informazioni trapelate, quindi, durante i colloqui telefonici, il presidente Biden avrebbe ribadito che diffondere dettagli su come gli Stati Uniti stanno aiutando Kiev non è utile ma è dannoso in quanto “distraggono dall’obiettivo”.

Ucraina, Mykolaiv bombardata dai russi: morto un civile

In Ucraina, nel frattempo, i bombardamenti russi continuano a susseguirsi a ritmo serrato. Un civile, ad esempio, ha tragicamente presso la vita nel villaggio di Shevchenkove, situato nell’oblast di Mykolaiv. Il civile è deceduto a seguito dell’incendio deflagrato in una proprietà privata dopo un raid missilistico attuato dalle forze russe. La notizia è stata diffusa dal servizio di emergenza statale che ha appunto precisato che sul sito dell’incendio è stato rinvenuto il cadavere di un uomo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli