Guerra in Ucraina, Erdogan: “Domani sentirò Putin e Zelensky”. Il Cremlino conferma

guerra in ucraina
guerra in ucraina

Guerra in Ucraina: il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato che a breve avrà un confronto telefonico sia con il leader di Mosca, Vladimir Putin, che con il leader di Kiev, Volodymyr Zelensky.

Guerra in Ucraina, Erdogan: “Domani sentirò Putin e Zelensky. No a Svezia e Finlandia nella NATO”

Nella giornata di domenica 29 maggio, il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha manifestato l’intenzione di sentire telefonicamente sia il presidente russo Vladimir Putin che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. I colloqui telefonici, secondo quanto riportato dalla Tass, sono attesi per la giornata di lunedì 30 maggio.

A proposito dell’andamento della guerra in Ucraina, Erdogan ha anche mostrato di avere un atteggiamento particolarmente cauto rispetto agli sviluppi futuri relativi al dialogo tra Mosca e Kiev.

Il leader di Istanbul, infatti, nel corso di un’intervista rilasciata al canale NTV che è stata citata dalla Tass, ha dichiarato: “Continueremo a sollecitare le parti a utilizzare canali di dialogo e diplomazia. Noi sogniamo che questa guerra finisca il più presto possibile, ma sembra che gli eventi si stiano sviluppando negativamente ogni giorno che passa”.

Nell’annunciare la sua volontà di sollecitare il dialogo tra i due Paesi in guerra, Ergodan ha anche ribadito la ferrea opposizione della Turchia all’ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO. Il presidente turco, infatti, ha ribadito che i due Paesi scandinavi sono “sostenitori del terrorismo” del Pkk, il partito separatista curdo con il quale il Governo della Turchia è in lotta da anni.

Cremlino conferma colloquio Putin-Erdogan

Per quanto riguarda il colloquio comunicato dal leader di Istanbul, la notizia è stata confermata dal presidente russo Vladimir Putin.

Il Cremlino, citato da Ria Novosti, ha diramato una nota ufficiale con la quale ha annunciato la programmazione della conversazione telefonica che avverrà nella giornata di lunedì 30 maggio tra i due leader.

Guerra in Ucraina, si intensificano i bombardamenti russi su numerose città

A partire dalle 12:45 ora locale di domenica 29 maggio, le sirene antiaeree hanno cominciato contemporaneamente a suonare in svariate città ucraine. Nello specifico, le città bombardate dai russi sono Poltava, Dnipro, Zaporizhzhia, Lugansk, Cherkasy, Kropyvnytskyi e anche l’intera regione di Kiev, inclusa la stessa capitale dell’Ucraina.

Nel corso dei bombardamenti, è stata colpita anche la città natale del presidente Volodymyr Zelensky, Kryvyi Rih, nell’Ucraina centromeridionale. La notizia è stata resa nota da Ministero della Difesa della Federazione Russa, citato dalla Tass. Il dicastero, inoltre, ha asserito che i missili russi hanno distrutto un arsenale di ingenti dimensioni di proprietà delle forze armate ucraine che si trovava in città.

Mosca, Kirill: “Comprendo la scelta della Chiesa ortodossa ucraina”

Intanto, in Russia, il patriarca della Chiesa ortodossa Kirill ha affermato di “comprendere” la scelta della Chiesa ortodossa ucraina che ha recentemente comunicato la rottura con Mosca come conseguenza della guerra.

Nello specifico, Kirill ha dichiarato: “Comprendiamo completamente le sofferenze attuali della Chiesa ortodossa d’Ucraina, comprendiamo che Sua Beatitudine Onofio (capo della chiesa ucraina) e il suo episcopato devono agire nella maniera più saggia possibile per non complicare la vita del loro popolo credente”.

Il patriarca russo ha pronunciato simili parole durante la sua liturgia celebrata nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli