Guerra in Ucraina, svelato il piano della Russia: annettere Mariupol alla regione di Rostov

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Il piano della Russia è quello di annettere Mariuol alla regione di Rostov. A comunicarlo è stato l’autoproclamato sindaco della città di Mariupol ai suoi “cittadini”.

Guerra in Ucraina, il piano della Russia è annettere Mariupol

Konstantin Ivashchenko, soprannominato il “mangiacadaveri“, viene citato su Telegram da Petro Andryushchenko, consigliere del sindaco legittimo di Mariupol. Secondo quanto riporta Andryushchenko: “lo pseudo-sindaco Konstantin ‘mangiacadaveri’ Ivashchenko negli incontri con i residenti di Mariupol sulla questione della subordinazione territoriale ha ripetutamente sottolineato che Mariupol sarà annessa alla regione di Rostov in Russia”. Questo svela dunque il vero piano che si cela dietro l’invasione di Putin.

Leonidchenko: “Centro di tortura a Mariupol”

Sergei Leonidchenko, consigliere del Rappresentante permanente russo alle Nazioni Unite, sempre a proposito di Mariupol ha fatto delle dichiarazioni alla Tass. Secondo Leonidchenko “ci sono molte prove oculari che il Servizio di sicurezza ucraino ha istituito un centro di tortura segreto presso l’aeroporto di Mariupol, che è cinicamente soprannominato la biblioteca“.

A Kherson vogliono introdurre il rublo come moneta unica

Nella città occupata di Kherson, la Russia, sta già iniziando a prendere i primi provvedimenti. Kirill Stremousov, vicepresidente dell’amministrazione militare e civile della regione, ha annunciato che dal 1 maggio 2022 verrà introdotto il rublo. Questo cambio di valuta, però, non sarà immediato ma bisognerà attendere alcuni mesi. Nel periodo di transizione si potrà usare sia la valuta russa che quella ucraina. Al termine dei mesi necessari per l’introduzione del rublo, questo diventerà l’unica moneta della regione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli