Guggenheim Bilbao, crowdfunding per il Puppy di Jeff Koons

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 25 giu. (askanews) - Una raccolta fondi per Puppy, il grane cagnolino di fiori di Jeff Koons che accoglie i visitatori fuori dal Museo Guggenheim Bilbao fin dalla sua inaugurazione nel 1997. Il museo basco ha lanciato infatti una campagna di crowdfunding chiamata #DaVidaAPuppy e destinata a raccogliere i fondi necessari per il restauro interno che richiede la scultura floreale di Koons, che negli anni è diventata anche un simbolo della città di Bilbao.

Un'esauriente analisi tecnica svolta dagli esperti del Dipartimento di Conservazione del Guggenheim ha infatti stabilito che l'opera deve essere sottoposta a un intervento preventivo di sostituzione e risanamento dei componenti della sua struttura interna per garantirne la futura conservazione. Il costo dei lavori di restauro dello "scheletro" in acciaio, il sistema di irrigazione e i vari strati che fissano il substrato che a sua volta nutre le piante, nonché la maglia metallica e la tela geotessile) ammonta a 100mila euro, per cui il museo ha deciso di chiedere la collaborazione della società per garantire che Puppy sia in perfette condizioni per i prossimi 25 anni.

Per questo il Guggenheim ha attivato sul suo sito internet il microsite DaVidaAPuppy dove le persone che desiderano dare un contributo possono farlo online.

I lavori di restauro verranno eseguiti nei mesi di settembre, ottobre e novembre 2021, in coincidenza con il prossimo cambio di fiori di Puppy, quando i fiori estivi appena piantati verranno sostituiti da quelli della stagione invernale.

Puppy è una scultura alta oltre dodici metri, che rappresenta un West Highland Terrier gigante, è disegnata allo scopo di attirare, suscitare ottimismo e infondere, con le parole di Jeff Koons, fiducia e sicurezza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli