Guida al primo giorno di scuola, per studenti e genitori

·4 minuto per la lettura
Students wearing protective face masks walking out from school (Photo: LeoPatrizi via Getty Images)
Students wearing protective face masks walking out from school (Photo: LeoPatrizi via Getty Images)

Sarà in presenza, ma non come sempre, la scuola, quest’anno. Tempo ancora di Covid e di vaccini, di Green pass e no vax. Solo da giovedì è chiaro che chiunque voglia entrare a scuola deve avere un green pass, vaccinato o no. E questo, al momento, sarà il problema dei problemi, secondo i presidi.

Vediamo cosa accadrà quando da lunedì 8 milioni di studenti, 800mila prof e personale ata rientreranno in classe. Non è tutto come prima e non lo è per nessuno, né per gli studenti, né per il personale scolastico, tantomeno per i genitori, perché ci sono regole ed eccezioni da ricordare. Non basta più mettere i libri nello zaino, occorre fare attenzione alle norme anti-contagio e alle ultime indicazioni date dal governo, tra obbligo di green pass, distanziamento, mascherine e ingressi scaglionati.

Green Pass

Negli istituti scolastici di ogni ordine e grado il certificato verde è obbligatorio per il personale scolastico (docenti, assistenti, amministrativi), per il personale esterno della scuola (in particolare addetti alle mense, alle pulizie e alla manutenzione) e per i genitori. Il preside o un suo delegato, secondo le norme attuali, dovranno controllare ogni giorno il green pass all’ingresso dell’istituto. Per gli studenti il green pass invece non è obbligatorio. Dovrebbe arrivare una app a sostegno del lavoro dei presidi che dovrà indicare chi ha il green pass e chi no, nel rispetto della privacy: sarebbe in collaudo dal 4 settembre.

Chi non è vaccinato o non è guarito dal Covid o non ha l’esenzione dal vaccino deve sottoporsi a tampone ogni 48 ore, a sue spese. Sono inoltre previste multe da 400 a 1000 euro per chi verrà trovato sprovvisto del certificato all’interno degli istituti.

Gli insegnanti senza green pass, fino al 31 dicembre 2021, non potranno accedere nelle scuole. E se non dovessero provvedere entro quattro giorni saranno sospesi dall’incarico.

Mascherine

Dai sei anni in su le mascherine a scuola sono obbligatorie e in classe vanno indossate sempre. Possono essere tolte mentre si fa attività fisica in palestra, in giardino o nel cortile.

Sono esentati gli studenti con disabilità. All’ingresso degli istituti saranno distribuite le mascherine usa e getta. Per i sordi sono previste quelle trasparenti.

Si può fare a meno delle mascherine in caso di classi composte da studenti tutti vaccinati, cosa però non verificabile.

Distanziamento

La distanza di un metro tra i banchi di scuola non è più obbligatoria, ma consigliata. Dove non ci sia sufficiente spazio, si può derogare purché si mantengano in vigore le altre misure sanitarie. Tra banco e cattedra è previsto un distanziamento di due metri.

Ricambio dell’aria

Il ministero consiglia di tenere le finestre aperte, anche d’inverno. Alcune scuole hanno apparecchiature filtranti per l’aria, ma l’iniziativa è lasciata ai singoli istituti. Sono previsti cambi di aria per cinque minuti alla fine dell’ora di lezione.

Orari differenziati

L’orario di entrata e di uscita è differenziato per evitare assembramenti negli istituti e poi, eventualmente, sui mezzi pubblici, dove la capienza sarà dell′80%. Gli studenti entreranno in classe scaglionati, secondo le decisioni dell’istituto.

Anche mense e palestre negli istituti scolastici sono luoghi sottoposti a differenze di orario negli ingressi.

Casi di covid in classe

In caso di contagio in una classe, si ricorre alla Dad per tutti. Per i soggetti vaccinati l’isolamento dura 7 giorni, al termine dei quali bisogna sottoporsi a un tampone. Se il test è negativo, si può fare ritorno in classe. Per i non vaccinati invece l’isolamento è di 10 giorni, al termine dei quali devono sempre sottoporsi a tampone. Per tornare in classe senza eseguire il tampone, occorrerà isolarsi per 14 giorni dal contatto con la persona positiva, se non si hanno sintomi riconducibili al covid.

L’isolamento è invece di 21 giorni per chi ha contratto il virus, ma dal 14esimo giorno non ha più i sintomi.

Come funziona all’Università

Per gli studenti universitari, come quelli degli Istituti Tecnici Superiori (Its), è obbligatorio il green pass per accedere alle strutture.

I posti a sedere nelle aule sono distanziati e in alcuni atenei è prevista la prenotazione online prima di recarsi in presenza per seguire le lezioni. Ogni università ha pubblicato sul proprio sito le specifiche informazioni per la ripresa della didattica.

All’università è obbligatorio indossare le mascherine nei luoghi chiusi.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli