Guterres: "Fermare subito violenze in Ucraina". Crisi grano, condizioni Putin

(Adnkronos) - Nuovo appello del segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, per la fine delle violenze a 100 giorni dall'inizio dell'invasione della Russia in Ucraina. "Rinnovo il mio appello per la cessazione immediata delle violenze, per l'accesso umanitario senza restrizioni a tutti coloro che ne hanno bisogno, per l'evacuazione in sicurezza dalle aree di combattimento dei civili lì intrappolati e per la protezione urgente dei civili e il rispetto dei diritti umani in linea con le norme internazionali", ha affermato in una dichiarazione diffusa nelle ultime ore.

"Il conflitto ha già fatto migliaia di vittime, provocato una distruzione incalcolabile, milioni di sfollati, violazioni inaccettabili dei diritti umani e sta infiammando una crisi globale che ha tre dimensioni, alimentare, energetica e finanziaria, che sta colpendo le persone, i Paesi e le economie più vulnerabili", ha aggiunto, ribandendo che le Nazioni Unite sono "impegnate nello sforzo umanitario", ma "per risolvere questo conflitto serviranno negoziati e dialogo". E, "quanto prima le parti si impegneranno in sforzi diplomatici in buona fede per porre fine a questa guerra, meglio sarà per il bene dell'Ucraina, della Russia e del mondo".

Zelensky

Ieri sera il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha concluso il suo discorso sottolineando "tre parole per le quali combattiamo già da cento giorni, dopo otto anni: pace, vittoria, Ucraina". "Esattamente cento giorni fa ci siamo svegliati tutti in una realtà diversa. Nel 2014, la Russia ha portato da noi la parola 'guerra'. Il 24 febbraio, ha aggiunto 'guerra su vasta scala'. Per cento giorni - abbiamo trovato o ricevuto, visto o voluto cancellare - ancora altre parole. Tutte sono importanti e tutte si devono ricordare oggi", dice Zelensky all'inizio del lungo video, in cui menziona "i nostri eroi, che difendono il nostro Stato dalla notte del 24 febbraio", e gli aiuti, anche di armi, ricevuti dall'estero.

"Ogni giorno si aggiungono termini che sono diventati per tutti molto più che semplici parole: Hostomel, Borodyanka, Okhtyrka, Chernihiv, Kharkiv, Kherson, Melitopol, Mariupol e Azovstal", ha detto il presidente dell'Ucraina. "Poi - ha aggiunto - ci sono parole che il nostro nemico voleva cancellare, come Volnovakha e Saltivka, Popasna e Severodonetsk. Sono parole che sicuramente scriveremo di nuovo, ma a modo nostro. Proprio come Bucha. E come Mariupol. E le scriveremo accanto alla parola: 'Tribunale'".

Zelensky parla dei campi di "filtrazione, delle deportazioni, delle torture, delle esecuzioni, dei bombardamenti a tappeto e degli attacchi missilistici", a cui "bisogna dare una risposta. E la risposta è solo la parola 'giustizia'". "Ci sono state anche parole che hanno dato speranza e per le quali abbiamo lottato", prosegue il leader ucraino, parlando dei "corridoi umanitari", di cui hanno usufruito "centinaia di persone", permettendoci di superare un altro termine, un termine terribile, 'blocco'".

"Molte parole di morte sono state aggiunte al nostro vocabolario: 'Iskander', calibro', "Sunshades", 'bombe al fosforo' e altro ancora", prosegue Zelensky, chiedendosi "che cosa rimanga del 'secondo esercito del mondo? Crimini di guerra, vergogna e odio". Quindi l'auspicio "che parole diventate ormai molto comuni, come 'rovina', 'sirena', 'allarme aereo', 'coprifuoco', 'checkpoint', 'filo spinato' non significhino per i nostri figli ciò che significano per noi oggi.

Infine "ci saranno molte altre parole che tutti conosceranno e che avranno senso per tutti e daranno una possibilità a milioni di persone. Sono le parole 'ricostruzione', 'candidatura e adesione', 'garanzie e sicurezza'. E necessariamente 'ritorno'. Basato sulla parola che era un sogno, ma diventerà una realtà: la liberazione. Queste sono le parole del nostro futuro. Parole verso cui si sta dirigendo e si dirigerà sempre di più la nave da guerra nemica".

Crisi grano

Il presidente russo Putin ha offerto i porti occupati di Mariupol e Berdiansk per sbloccare il grano ucraino, ma allo stesso tempo ha chiesto di togliere le sanzioni. La Russia ha quasi terminato lo sminamento dei porti di Berdyansk e Mariupol che "sono sotto il nostro controllo" e attraverso i quali "siamo pronti a garantire l'esportazione senza problemi di grano ucraino", ha detto in un'intervista al canale Rossiya-1 secondo quanto riferito da Interfax. In quei porti - ha aggiunto - "stiamo finendo i lavori di sminamento" visto che "le truppe ucraine avevano deposto tre strati di mine". "Ma questo lavoro è quasi finito e creeremo la logistica necessaria" alla ripresa delle attività marittime, ha assicurato Putin.

Secondo il presidente i Paesi occidentali "hanno commesso moltissimi errori" che hanno causato la crisi alimentare e ora cercano di incolpare la Russia. "I nostri partner hanno commesso loro stessi un mucchio di errori e ora cercano qualcuno da incolpare. E, naturalmente, il candidato che meglio si presta è la Russia", ha osservato.

Dopo che la Russia ha lanciato "l'operazione speciale" in Ucraina, Europa e Stati Uniti hanno adottato misure che hanno esacerbato la situazione di crisi nel settore alimentare e dei fertilizzanti ed ha ricordato che la Russia rappresenta circa il 25% del mercato mondiale della produzione di fertilizzanti. "E per quanto riguarda i fertilizzanti di potassio, come mi ha detto il presidente bielorusso Alexander Griroryevich Lukashenko, Russia e Bielorussia hanno il 45% del mercato globale. È una quantità enorme".

"Non appena è diventato chiaro che non ci sarebbero stati i nostri fertilizzanti sul mercato mondiale, i prezzi sia dei fertilizzanti sia degli alimenti sono immediatamente saliti, poiché non ci sono fertilizzanti e non ci saranno quantità necessarie di prodotti agricoli". "Una cosa innesca l'altra, ma la Russia non c'entra niente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli