"Gwyneth Paltrow è di Codogno", Twitter commenta Contagion

webinfo@adnkronos.com

Un film targato Soderbergh del 2011 con protagonista una devastante e misteriosa epidemia importata da Hong Kong agli Usa e quindi nel mondo. Canale 5 trasmette 'Contagion' e su Twitter parte la gara al commento fra confronti con l'attualità e vagonate di battute a sdrammatizzare la realtà della pandemia che tutti stiamo vivendo. A colpire gli spettatori, le tante analogie con il coronavirus, dai pipistrelli coinvolti nel contagio alle 'zone rosse' nel pianeta descritte nel film, Italia compresa. 

"Paziente 1" negli Usa la sfortunata Beth, interpretata da Gwyneth Paltrow, che per gli utenti "è di Codogno" e a film "appena iniziato ha già la tossettina secca". "Nel 2011 sei il pubblico e guardi il film. Nel 2020 sei direttamente l’attore. L’universo ha un gran bel senso dell’umorismo", commentano, mentre sul social scorrono meme, gif e fotomontaggi che racchiudono l'ironia e lo stupore della rete. "Noi in quarantena con una pandemia che sta mettendo in ginocchio tutto il mondo che guardiamo un film dove c’è un’epidemia che sta mettendo in ginocchio il mondo", scrivono, e intanto sottolineano: "Una volta era 'film tratto da una storia vera'. Oggi è 'storia vera tratta da un film'". E se per alcuni trasmettere una pellicola del genere di questi tempi equivale a "tortura", "sadismo" e "pura malvagità", per altri lo scopo è addirittura edificante: "Ho come l'impressione che hanno deciso di trasmettere #contagion per convincerci a stare a casa anche dopo il 4 maggio". Delusione fra i tanti che hanno "aspettato la fine del film per capire se riusciremo a sopravvivere": la pellicola si conclude infatti a contagio ancora in corso e con un vaccino in via di sperimentazione. "Mai 'na gioia", riassumono sconsolati sui titoli di coda.