Haiti, Msf: a 10 anni da sisma, strutture sanitarie a collasso -5-

Dmo/Red

Roma, 10 gen. (askanews) - Nelle aree rurali, come Port-à-Piment nel dipartimento meridionale, l'effetto della crisi sul sistema sanitario haitiano è molto evidente. MSF supporta da tempo i servizi sanitari d'emergenza e di salute materna nell'area. Nei casi più gravi, quando è necessario il ricovero in ospedale, le équipe di MSF faticano a trovare una struttura aperta dove poter trasferire i pazienti. Il principale ospedale e la banca del sangue dell'area sono stati chiusi ad ottobre dopo essere stati saccheggiati e non sono ancora completamente funzionanti. Per alcuni pazienti in condizioni critiche, ci vogliono a volte fino a 5 ore prima di trovare un ospedale in grado di ricoverarli. Nel dipartimento del Nord, dove MSF stava per aprire due cliniche per vittime di violenza sessuale e di genere, le attività sono state sospese a causa di problemi di accesso e per la mancanza di carburante nell'area.

"Sapevamo di rispondere alle esigenze di casi gravi e urgenti ma la situazione è peggiore di quanto immaginassimo" dichiara Lamarque di MSF. "Ora è necessario che altri attori si mobilitino per rispondere ai bisogni sanitari di Haiti".

(Segue)