Jovenel Moïse, il presidente di Haiti ucciso da un commando - FOTO

Il presidente di Haiti, Jovenel Moïse, è stato assassinato in casa sua la notte scorsa. Il primo ministro haitiano Claude Joseph ha detto in un comunicato che attorno all’una di notte uomini armati, alcuni dei quali parlavano spagnolo, sono entrati nella casa del presidente nella capitale Port-au-Prince, uccidendolo. Anche la moglie del presidente, rimasta ferita nell'attacco, è poi deceduta.

Moïse, 53 anni, era diventato premier del paese caraibico nel 2015, ma quelle elezioni erano state poi annullate per brogli. Rieletto l’anno successivo, aveva iniziato a governare nel 2017. Dopo le accuse di repressione degli oppositori politici e lo scandalo per corruzione, nel 2019 ci sono state proteste per chiedere le dimissioni di Moïse in cui persero la vita decine di persone. 

Joseph condannando "l'atto odioso, disumano e barbaro", ha invitato alla calma la popolazione e ha assicurato che la polizia e l'esercito manterranno l'ordine.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli