Hamas ha rivendicato l'attacco a Gerusalemme

Hamas ha definito "una risposta tangibile al piano americano" per la pace in Medio Oriente l'attacco di questa notte a Gerusalemme. "L'operazione di resistenza nel centro di Gerusalemme occupata è una risposta tangibile da parte del nostro popolo al piano per distruggere Trump", ha detto il portavoce di Hamas Hazem Qassem in un comunicato. Un'auto ha investito un gruppo di persone fuori da uno dei locali più frequentati della città santa. Quindici i feriti, di cui uno grave, in maggioranza soldati in libera uscita.

Hamas ha anche accolto con favore gli "atti di resistenza" di oggi dal "sud al nord" della Cisgiordania occupata dopo gli scontri mortali degli ultimi due giorni tra le forze palestinesi e israeliane. Oggi, un diciannovenne palestinese è stato ucciso a Jenin, nel nord della Cisgiordania, in uno scontro tra manifestanti e soldati israeliani.

Secondo i testimoni, i manifestanti lanciavano pietre ai soldati, mentre l'esercito diceva che lanciavano oggetti esplosivi. Ieri anche un giovane palestinese era stato ucciso in uno scontro con le forze israeliane a Hebron, nel sud della Cisgiordania. Sempre oggi, l'esercito israeliano ha effettuato anche attacchi di prima mattina contro le posizioni di Hamas nella Striscia di Gaza, dopo aver lanciato palloncini incendiari e colpi di mortaio verso Israele dall'enclave palestinese bloccata e controllata dal movimento islamista palestinese.