Hamas va smantellata. È interesse italiano ed europeo

·Ex parlamentare e analista internazionale
·2 minuto per la lettura
Some from rockets fired towards Israel by Palestinian Islamist movement Hamas billows in the air in Gaza City on May 13, 2021. (Photo by Majdi Fathi/NurPhoto via Getty Images) (Photo: NurPhoto via Getty Images)
Some from rockets fired towards Israel by Palestinian Islamist movement Hamas billows in the air in Gaza City on May 13, 2021. (Photo by Majdi Fathi/NurPhoto via Getty Images) (Photo: NurPhoto via Getty Images)

La sicurezza di Israele è un problema che ci riguarda, da vicino. La pioggia di missili di Hamas cadute su Tel Aviv e su molte altre città israeliane, anche se per la gran parte neutralizzate dal sistema difensivo “Iron Dome”, rappresenta un ulteriore salto di qualità nella capacita distruttiva dell’organizzazione terrorista che governa da anni la striscia di Gaza.

L’Europa e la comunità internazionale non può permettere che un paese amico come Israele sia costretto a vivere con due organizzazioni del terrore, Hamas a Gaza ed Hezbollah in Libano, dotate di armamenti sofisticati e di missili a lunga gittata in grado di colpire praticamente ogni parte del territorio e di minacciarne l’intera popolazione.

Solo 80km separano la striscia di Gaza dal centro di Tel Aviv e solo 50km dividono il centro di Haifa dall’area controllata da Hezbollah nel Sud del Libano e i gruppi del terrore che tengono ostaggio quelle porzioni di territorio sono costantemente finanziate, armate e sostenute da un paese, l’Iran, il cui regime dichiara da vent’anni di perseguire la distruzione dello Stato di Israele.

Immaginate l’aeroporto di Heathrow minacciato da un enclave terrorista a Brighton o Oxford o il centro di Roma sotto tiro di missili acquartierati a Viterbo o Sabaudia oppure ancora Parigi sotto la minaccia di un’area controllata dai terroristi a Rouen. Impossibile e inimmaginabile. Invece per Israele è la realtà quotidiana.

La vita in 15 secondi: il tempo stimato fra l’inizio dell’ululato delle sirene e il possibile impatto di un missile di Hamas in asili nido, scuole, uffici, fabbriche, case, residenze per anziani, ospedali. Questa è la realtà di chi vive In Israele.

E non c’è “sproporzione” nella reazione militare di Israele: soltanto la legittima difesa di un paese democratico che non può vivere sotto ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli