The Handmaid's tale: storia di una donna, non di una supereroina

Los Angeles, 7 ago. (askanews) - "Non è uno show su una supereroina, ma su una donna, una madre e una persona che affronta le difficoltà. Penso che sia una storia molto complicata". Parola di Elizabeth Moss, l'attrice che interpreta l'ancella protagonista di "The handmaid's tale", "Il racconto dell'ancella", serie di successo basata sul romanzo di Margaret Atwood. Moss era a Los Angeles insieme al resto del cast per celebrare il finale della terza stagione, mentre è stata già annunciata la quarta, sempre ambientata nel mondo distopico di Gilead, in cui le donne sono oppresse, sottomesse e usate solo come strumento per procreare.

"È difficile non immaginarsi lì, chiedersi cosa tu avresti fatto quella situazione, chi saresti stato a Gilead", dice. "Non sono sicura certe volte se June (l'ancella che interpreta ndr), sia dalla parte dei buoni o dei cattivi, ed è interessante. È una specie di prigione mentale, se sei nel sistema così a lungo, come ti cambia, che tipo di persona diventi?".