Harry e Meghan lasciano la famiglia reale: saranno comuni cittadini

harry-e-meghan

Con un comunicato ufficiale di Buckingham Palace, nella giornata dell’8 gennaio è stato annunciato che il principe Harry e la principessa Meghan rinunceranno ai loro ruoli all’interno della famiglia reale. La notizia conferma le indiscrezioni che da ore si rincorrevano sui principali tabloid britannici e che vedevano i duchi si Sussex pronti a dire addio alle loro prerogative reali, compreso il diritto di successione al trono britannico. Secondo alcune fonti, la coppia sarebbe inoltre intenzionata a trasferirsi in Nord America per il 2020, molto probabilmente in Canada dove hanno appena trascorso le vacanze di Natale.

Harry e Meghan lasciano la famiglia reale

L’annuncio ufficiale dell’addio dei duchi di Sussex alla famiglia reale è solo l’ultima tappa di un lungo allontanamento della coppia dai doveri di palazzo, culminato nella decisione di trascorrere le vacanze di Natale appena passate in Canada anziché nella location della tenuta di Sadringham, dove ogni anni si riuniscono tradizionalmente tutti i membri della Royal Family.

In passato tuttavia, lo stesso Harry aveva raccontato delle forti differenze che intercorrevano tra lui e il fratello William e che lo aveva portato ad andarsene assieme a Meghan dalla residenza di Kensington Palace, dove vivevano in coabitazione proprio con William e Kate.

Il post su Instagram

A pochi minuti dall’annuncio di Buckingham Palace è arrivata anche la spiegazione ufficiale dell’addio sul profilo Instagram di Harry e Meghan: “Dopo molti mesi di riflessione e discussioni interne, abbiamo scelto a partire da quest’anno di iniziare una transizione, ritagliandosi un ruolo progressivamente sempre meno di rilievo all’interno di questa istituzione. Intendiamo fare un passo indietro come membri “senior” della famiglia reale e lavorare per diventare finanziariamente indipendenti, pur continuando a sostenere pienamente Sua Maestà la Regina. È con il tuo incoraggiamento, in particolare negli ultimi anni, che ci sentiamo pronti a fare questo cambiamento”.