Hiref: nel 2020 fatturato di 71 mln (+30%) (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Ora il nostro gruppo padovano conta 320 dipendenti – ricorda Mantovan –. Col tempo ci siamo ampliati in ambito internazionale con diverse filiali commerciali e un forte network di dealer in Europa, America Latina, Africa e Russia". Un’azienda che in quasi vent’anni ha visto una forte crescita dimensionale, rimanendo comunque di medie dimensioni rispetto ad altre multinazionali del settore. "La filosofia del gruppo è sempre stata chiara – conclude Mantovan -: sul mercato vince il più veloce, chi sa anticipare il passo, non il più grande".

L’amministratore delegato parla di gruppo, visto che HiRef è una realtà che ha gemmato 7 spin-off fondati nel corso degli anni per diversificare e far rendere al meglio le varie linee innovative. Tra questi troviamo Jonix, Pmi innovativa specializzata nella sanitizzazione dell’aria in ambienti chiusi che ha visto, il 4 maggio 2021, a un anno esatto di distanza dall’apertura della seconda sede di HiRef, l’avvio della quotazione in Borsa.

Ma Jonix è solo uno degli spin-off di HiRef, che si differenziano per finalità e campi d’azione. Eneren offre pacchetti completi, a 360 gradi, di servizi e prodotti in ambito geotermia a bassa entalpia. HiDew ha sviluppato il know-how per quanto attiene la deumidificazione per residenze, piscine ed impianti industriali. Tecno Refrigeration, invece, è un’azienda specializzata nella refrigerazione commerciale e nella climatizzazione per il settore navale e ferroviario. It.Met si occupa di lavorazione di carpenteria leggera, acciaio, alluminio, cassette di quadri elettrici su misura e containment box per Data Center, Ecat è specializzata nella produzione di quadri elettrici di potenza e di distribuzione, HiRef Engineering supporta la rete commerciale con consulenze in ambito progettazione, studi di fattibilità, business plan del progetto e, se richiesto, 'chiavi in mano' dell’impianto.