Hiv, Sileri: mai abbassare guardia. Promuovere preservativi in scuole

Mpd

Roma, 15 nov. (askanews) - "Non bisogna mai abbassare la guardia contro l'Hiv. Anche se i nuovi casi di infezione nell'ultimo anno sono diminuiti in tutto il Paese, il fatto che l'incidenza più alta continui a essere registrata tra i giovani adulti, di età compresa tra i 25 e i 29 anni, ci deve preoccupare". Così commenta il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, i dati Hiv pubblicati dall'Istituto superiore di sanità, relativi al 2018. "Tra le nuove generazioni- sottolinea - c'è ancora poca consapevolezza sul virus, su come si trasmetta e su cosa fare per proteggersi - continua Sileri. Molti confondono la prevenzione delle gravidanze indesiderate, e quindi l'assunzione della pillola contraccettiva, con la prevenzione dall'Hiv e il resto delle malattie sessualmente trasmissibili, contro cui lo strumento più efficace è senza dubbio il profilattico. Fondamentale allora è promuoverne l'uso nelle scuole e nelle università. Tra l'altro c'è già un protocollo d'intesa del 2015 tra il ministero della Salute e il Miur per l'educazione alla salute e alla sessualità in favore degli studenti e dei docenti. Sulla base di questa intesa è già pronta una proposta di linee di indirizzo".