Omicidio a Mantova, la confessione di Elisa Scaini: "Ho ammazzato mio marito perché avevo paura mi uccidesse"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
Elisa Scaini e il marito Stefano (Photo: facebook)
Elisa Scaini e il marito Stefano (Photo: facebook)

“Ho ucciso mio marito Stefano perché temevo che mi ammazzasse”. È stata questa la confessione di Elisa Scaini, 53enne di Mantova, di fronte ai carabinieri. A riportare la notizia è il Corriere della Sera.

La donna, che aveva dato l’allarme nel pomeriggio di venerdì da un b&b di Zocca, nel Modenese, si ora trova nel carcere di Mantova in stato di fermo per omicidio volontario. La Scaini è stata trasferita dall’ospedale di Modena, dove si trovava, qualche ora dopo il rinvenimento del cadavere del marito: prima l’interrogatorio al comando provinciale dei carabinieri, poi l’arrivo nella casa circondariale di via Poma. Il quadro che si delinea è quello di un forte disagio che da tempo permeava l’appartamento di via Mozart dove è stato commesso l’omicidio.

Stando a quanto emerso, entrambi i coniugi erano rimasti a lungo senza lavoro e da qualche tempo si erano trasferiti nell’appartamento dove viveva anche la madre dell’uomo, una donna anziana trovata venerdì accanto al cadavere del figlio, in stato di choc. Stando a quanto riportato dal Corriere, tra i due litigi e discussioni erano ormai all’ordine del giorno.

Come riferito da alcuni vicini di casa, lo scorso Ferragosto era dovuta intervenire anche la polizia per sedare un’accesissima lite tra i due.

Intanto la casa in cui viveva la coppia è stata sottoposta a sequestro ed è stato eseguito sopralluogo nel bed & breakfast dove la donna ha effettuato la chiamata. Attesa per l’autopsia sul corpo del 51enne e per l’interrogatorio di garanzia della donna.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.