"Ho lasciato il posto fisso per fare la mamma a tempo pieno. Non c'ero mai, ora mi godo i figli"

HuffPost
Francesca pasinelli

Ha rinunciato al posto fisso, a uno stipendio da 880 euro mensili, per fare la mamma a tempo pieno. Francesca Pasinelli, 34 anni, milanese, era grafica per un mensile. Un lavoro che riduceva il suo tempo libero: usciva alle 7 e mezza di casa, tornava alle 19. Troppe poche ore rimanevano da trascorrere con Lorenzo, 4 anni e Davide, 17 mesi. Così ha deciso di cambiare vita, perché, dice “non ne valeva la pena”. 

Si legge sul Corriere della sera:

“Tiriamo un po’ la cinghia, come tutti, non fa niente, però finalmente mi sto godendo i bambini e in fondo fare la mamma era quello che avevo sempre sognato, quindi non mi lamento”

Gestire un solo figlio era stato più semplice, grazie all’aiuto di parenti che si offrivano di badare a lui. Quando è arrivato Davide, il più piccolo, le cose si sono complicate. Luca, impiegato in un’azienda di metalli non ferrosi, conosciuto sui banchi del Liceo e diventato poi suo marito, ha mostrato qualche scetticismo per la scelta. 

“Per il momento prendo ancora il sussidio di disoccupazione, ma presto finirà. Mio marito non era convintissimo, sente il peso della responsabilità economica tutta sulle sue spalle, i figli, si sa, costano molto, ma ho scelto io. Rinunce? qualcuna, come i viaggi, o i weekend fuoriporta, non se ne parla proprio più. Pentita? No. Lorenzo, il più grande, il pomeriggio fa musica, basket, piscina, vuole giocare, e sono contenta che possa farlo con me. Finalmente potrò portarlo a vedere Frozen. Il piccolo poi va al nido in un’altra scuola, quindi prima ne accompagno uno e poi l’altro, tipo catena di montaggio, idem al ritorno”

Nei suoi progetti futuri non c’è quello di allargare la famiglia, ma di tornare al lavoro quando i due figli saranno diventati più autonomi. 

 “Tra qualche anno, quando saranno più grandi, vorrei provare a cercarmi un impiego part time. Anche perché è verissimo che lavorare è meno faticoso che stare a casa e di sicuro come mamma non farò il tris, mi...

Continua a leggere su HuffPost