Honda, nuovo filtro dell'aria riduce rischio infezione da Covid-19

Redazione
·3 minuto per la lettura

Honda Motor Europe "mette la mscherina" ancto Covid-19 alle sue vetture. Il marchio giapponese, inftti, porta sul mercato un nuovo e sofisticato filtro dell'aria per abitacolo in grado di catturare in modo altamente efficace un'ampia gamma di germi, allergeni e anche virus collegati a importanti complicazioni di salute, tra cui il rischio di infezione da coronavirus (SARS-COV-2).

Sviluppato in collaborazione con Freudenberg, e disponibile come ricambio originale Honda in alternativa al filtro antipolline, il nuovo sofisticato modello offre una protezione attiva riducendo notevolmente la concentrazione di aerosol virali. Questo risultato e' dovuto al suo esclusivo design multistrato che filtra, cattura ed elimina in modo efficace i gas ambientali nocivi, oltre alle particelle e agli aerosol biologici e inorganici. "Ora che tutti noi siamo consapevoli dell'impatto sull'umanita' di germi e virus, non ultimo quello da SARS-COV-2, ci aspettiamo un rapido aumento della domanda di soluzioni di protezione e sicurezza anche a bordo delle vetture. Questo filtro dell'aria e' uno straordinario esempio della capacita' di Honda di collaborare in modo rapido e produttivo con i suoi fornitori e offrire un prodotto di grande qualita' capace di migliorare la salute e la sicurezza di guidatore e passeggeri" commenta Eiichi Hino, Presidente di Honda Access Europe. In generale, per ridurre il rischio di infezione all'interno dell'abitacolo, le raccomandazioni prevedono di aumentare la quantita' di aria fresca immessa cosi' da abbassare la concentrazione di aerosol. Nella modalita' ricircolo, l'eliminazione dei virus dipende non solo dalla percentuale di ricambio dell'aria ma anche dall'efficienza del sistema filtrante.

I primi due strati in microfibra del filtro catturano la maggior parte degli aerosol, delle polveri e dei pollini ultrasottili; il terzo strato, invece, realizzato con carboni attivi, assorbe le particelle e i gas acidi che contribuiscono all'inquinamento. A questo punto, un innovativo quarto strato realizzato con una membrana bio funzionale, rivestita con una sostanza organica ricavata dall'estratto di frutta, rende inattivi in modo efficace gli aerosol virali imprigionati, impedendo che vengano liberati nell'abitacolo. L'elevata efficacia del filtro e' stata dimostrata da una serie di test condotti in collaborazione con l'OFI (Istituto di Ricerca Austriaco). Il coronavirus da SARS-COV-2 si diffonde attraverso le goccioline prodotte da uno starnuto, un colpo di tosse o il semplice respiro; queste particelle di aerosol possono rimanere attaccate sulle superfici per ore o anche per giorni. Il movimento dell'aria, i cambi di temperatura e l'umidita' possono propagare nell'aria queste particelle: ed e' qui che entra in azione il filtro sviluppato da Honda.

I diversi strati antiparticolato offrono una protezione dal virus di gran lunga piu' efficace rispetto ai filtri convenzionali. E' stato dimostrato che sono in grado di separare non solo le goccioline (" 5 µm) ma anche gli aerosol virali pericolosi (considerevolmente al di sotto di 5 µm). Il nuovo filtro dell'aria sviluppato da Honda puo' catturare oltre il 90% degli aerosol virali. Inoltre, un innovativo secondo strato rende inattiva quasi il 100% della carica virale imprigionata, grazie a una membrana bio funzionale rivestita con una sostanza organica ricavata dall'estratto di frutta. L'infezione da SARS-COV-2 e', in ordine di tempo, soltanto il piu' recente tra i virus dannosi per la salute che hanno attraversato la storia dell'umanita'. In termini di mitigazione del rischio nei viaggi in auto, questo filtro offre una delle migliori protezioni disponibili in commercio. E' compatibile con tutti i nuovi modelli a quattro ruote di Honda, e puo' essere acquistato e montato direttamente presso la rete ufficiale delle Concessionarie Honda.

(ITALPRESS).

tvi/com