## Hong Kong, ambasciatore Cina attacca Usa: architetti proteste -3-

Mos

Roma, 9 ago. (askanews) - Sul chi siano questi "misteriosi architetti", l'ambasciatore non ha incertezze e mostra la foto, già circolata che mostra la rappresentante consolare Usa a Hong Kong Julie Eadeh con alcuni giovani presunti attivisti, oltre che alcuni personaggi bianchi e biondi in mezzo ai disordini. E, ancor più esplicitamente, sostiene che "dal mese di giugno, se non già prima, un piccolo gruppo di paesi, e in particolare gli Stati uniti, ha iniziato a intromettersi molto negli affari di Hong Kong".

Li ha ricordato il fatto che attivisti pro democrazia hanno incontrato il presidente Usa Donald Trump e il segretario di Stato Mike Pompeo, oltre alle dichiarazioni della speaker della Camera Nancy Pelosi a favore delle manifestazioni di protesta. "Il mondo politico Usa sta dando sostegno e sta amplificando le idee dei manifestanti e degli organizzatori delle manifestazioni. Non solo, ma continua anche a mettere in discussione e interferire col principio 'un paese-due sistemi'. Se non ci fossero dietro le quinte questi attori che muovono i fili, i manifestanti non avrebbero avuto il coraggio di fare quello che hanno fatto per le strade della città".(Segue)