Hong Kong, Amnesty chiede indagini su ferimento manifestante

red/Mgi

Roma, 1 ott. (askanews) - "Il ferimento grave di un manifestante rappresenta un allarmante sviluppo nella risposta alle proteste da parte della polizia di Hong Kong. Le autorità devono avviare un'indagine immediata", ha dichiarato Man-Kei Tam, direttore di Amnesty International Hong Kong, a seguito delle violenze che hanno segnato le manifestazioni in occasione del 70mo anniversario della nascita della Repubblica popolare cinese.

"La polizia dovrebbe ricorrere alla forza letale solo di fronte a un'imminente minaccia di morte o di ferimento grave e unicamente come estrema risorsa. Sollecitiamo le autorità di Hong Kong a riesaminare con urgenza le modalità di approccio alle proteste, con l'obiettivo di calmare la situazione e impedire che ulteriori vite siano messe a rischio", ha aggiunto Tam. (Segue)