Hong Kong, Amnesty denuncia arresti arbitrari, pestaggi e torture -3-

red/Mgi

Roma, 20 set. (askanews) - Oltre 1300 persone sono state arrestate nel corso delle proteste di massa. La maggior parte di queste sono state pacifiche e gli episodi di violenza pare siano diventati più frequenti con l'aumentato ricorso alla forza eccessiva da parte della polizia. Quasi tutte le persone che hanno accettato di parlare con Amnesty International hanno chiesto l'anonimato, temendo in caso contrario di subire rappresaglie in un clima caratterizzato dall'impunità.

Nella maggior parte dei casi, le violenze della polizia hanno avuto luogo prima e durante gli arresti. In diversi casi i manifestanti arrestati sono stati picchiati nelle stazioni di polizia, subendo trattamenti tali da essere definibili tortura. Molte volte le violenze sono state inflitte a scopo di "punizione", per aver preso parte alle manifestazioni o essere sembrati non collaborativi. (Segue)