Hong Kong, cardinale Zen arrestato. Santa Sede "preoccupata"

(Adnkronos) - Il cardinale Joseph Zen è stato arrestato dalle autorità di Hong Kong. L'ex vescovo cattolico di Hong Kong, 90 anni, è stato fermato ieri sera in relazione al suo ruolo di amministratore del '612 Humanitarian Relief Fund', che ha sostenuto i manifestanti pro-democrazia nel pagamento delle spese legali che dovevano affrontare. A riferirlo sono stati i media locali. Il fondo, istituito nel 2019, è stato sciolto l'anno scorso. Zen è un aperto sostenitore del movimento pro-democrazia. Ha lasciato l'incarico di vescovo di Hong Kong nel 2009.

La Santa Sede ha appreso "con preoccupazione la notizia dell’arresto del cardinale Zen e segue con estrema attenzione l’evolversi della situazione", fa sapere il Vaticano in una nota.

Il cardinale Zen "si trova in una stazione di polizia per essere interrogato", fa sapere all’Adnkronos padre Bernardo Cervellera, missionario del Pime ora ad Hong Kong, per tanti anni direttore di AsiaNews.

"La Polizia per ora non ha detto niente. Si sa che il cardinale Zen è in una stazione di Polizia per essere interrogato. Per ora - spiega - si sa che sono state fermate cinque delle sei persone che erano membri responsabili del Fondo che aiutava i sostenitori della democrazia. Più che altro quelli che erano condannati e che avevano bisogno di sostegno economico per le spese legali o che erano rimasti feriti per spese ospedaliere. Si tratta di una cosa molto caritativa".

Il cardinale Zen è sempre stato nel mirino del governo cinese. "La Cina - osserva padre Cervellera - non lo vede molto bene. Questa cosa è avvenuta in relazione alla legge sulla sicurezza: la Polizia ha espresso il dubbio che in qualche modo fossero finanziati dall’estero. Siccome era un fondo aperto a tutte le donazioni, loro ricevevano donazioni da tutti quindi ora la Polizia ha lanciato il sospetto che venivano pagati dall’estero. Questo fondo di per se’ era aperto alla generosità della gente. I cittadini di Hong Kong sono famosi per la loro generosità. Magari ci sono stati anche stranieri che hanno fatto donazioni perché gli eventi di Hong Kong hanno interessato il pubblico nel mondo". Un colpo al movimento democratico? "Queste sono personalità molto in vista che hanno educato le persone alla democrazia. Sono sempre state molto esplicite, dando giudizi ed educando i giovani", dice padre Bernardo Cervellera ribadendo che al momento il cardinale Zen si trova in una "stazione di Polizia dove è interrogato".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli